Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Periscopio, gli eventi vip della settimana

Ivan Rota
  • a
  • a
  • a

Christmas Party dal Conte Zanotti  Cavazzoni All'ombra della Madonnina presso la residenza milanese del Conte Francesco Zanotti Cavazzoni si e' tenuto il party Christmas in love.  Gli ospiti internazionali si sono ritrovati per celebrare il tema dell'amicizia, dell'amore e della musica grazie alla colonna sonora musicale dei DanceFloor Motel che hanno suonato live jazz and soul music creando un'atmosfera magica. Numerosissimi e felici, gli ospiti hanno partecipato generosamente al tradizionale appuntamento a favore della Lega Nazionale per la Difesa del Cane Sezione di Milano che festeggerà presto il reparto degenza e cuccioli del Rifugio di Segrate a cui era dedicata la raccolta fondi. SPARKLING VIP torna nella sua location d'origine, grazie a Daniela Bertazzoni, presso il ristorante Caruso del prestigioso Grand Hotel et de Milan, nel cuore di Milano. E ancora, feste di capodanno, l'omaggio a Fellini e eventi A Roma, tutti da Claudia Un dinner di Natale tutto a base di cucina alla romana, tra maccheroni alla matriciana e arrosto alpistacchio, hanno deliziato gli ospiti presenti al noto ristorante in via di S.Basilio; Accolti dai direttori Shahed e Roky sono arrivati per primi gli attori Mario Ermito e Andrea Preti, Antonietta Di Vizia in abito rosso accompagnata dal compagno, il presentatore Tv Anthony Peth e la conduttrice del Tg5 Simona Brachetti e poi ancora di Vittorio Hamarz Vasfi, Angelo Costabile e Simone Surace. In splendida forma l'attrice comica Barbara Foria con lo stilista Mario Orfei, i tronisti Mariano Catanzaro e Gianluca Tornese raggiunti poi da Samuele Mecucci e Ferdinando Giordano. Reduci dal musical Aladin sono approdati Francesco De Simone, Emanuela Rei,Renato Crudo e Cristina Da Villanova, e poi ancora in total black Valentina Varone con Marco D'Angelo e Stefano Martoriello. Durante la cena fra una gag e l'altra gli ospiti si sono divertiti ad ascoltare la voce diThomas Grazioso, concludendo la serata con una torta alla vaniglia e tante candeline. Il talento di Gianluca Rosano Wayne THE TIME MACHINE questo il tema del Capodanno di OTIVM Milano, il locale ispirato a De Chirico e al tema surreale, tra archi, erotismo delle forme, strutture metafisiche e in un sogno glamour e sensuale il 2020 inizierà attraverso un viaggio nel tempo, tra un dinner show che rivelerà grandi sorprese, live music, performer, dj set e uno special show da non perdere! OTIVM Milano, a perto dal lunedì al sabato con show tutti i giorni, nasce da un'idea di Valerio Tremiterra e dei suoi soci e colma il vuoto di locali di ampia struttura nel panorama Milanese, nei quali cenare, bere, assistere a show con performers internazionali, divertirsi in un unico luogo. La gente ha abbandonato lo spirito della discoteca e si dirige in un'unica location dove mangiare piatti di qualità, scegliere un signature cocktail dalla drink list, guardare lo show, divertirsi, tutto in un unico luogo contestualmente. OTIVM si contrappone a NEGOTIVM, perché in un locale come OTIVM non si parla di business, ma si viene per rilassarsi, staccare la spina e la mente. A livello strutturale, le ispirazioni dell'architetto Nick Maltese sono quelle a De Chirico e al tema surreale, tra archi, erotismo delle forme, strutture metafisiche dedicate alle figure dell'uomo e soprattutto della donna, quasi un sogno erotico ed elegante, che si ritrova nelle lamelle del soffitto che richiamano alle sinuosità del corpo femminile in dolce attesa, come in un ideale ponte di collegamento agli antichi alchimisti, studiosi del corpo umano. Il locale riprende le arcate della piazza di Ferrara che G.De Chirico dipinse in molte sue opere e in cui visse fine alla sua morte e il clima riprende la corrente della Metafisica in cui De Chirico e Carrà furono i promotori. Per la prima volta un ristorante è stato creato in un palazzo ideato dal famoso architetto Giò Pontie i soci hanno cercato e voluto, come aziende partner, solo leader europei dei vari settori, come la sedia Lisa, Best Chair 2018, in collaborazione con SCAB Design,o le lampade progettate appositamente per OTIVM. L'unica colonna bizantina esistente a Roma è stata riprodotta, qui, uguale nella grandezza di un tempo, ma in ferro e con oltre 300 pezzi, creando una vera e propria opera d'arte frutto dell'attività artigianale Made in Italy. Marmi di pregio italiani, velluti, tecnologia di alta qualità: OTIVM è soprattutto concepito come locale a basso impatto ambientale e a basso spreco energetico. Due gli ingressi; dalla zona di accoglienza dell'ingresso, le hostess accolgono e accompagnano al tavolo gli ospiti, dopo aver sorseggiato un drink nella zona bar, prima di sedersi a cena, scegliendo dalla drink list del Bartender Giuseppe Russo, come Otivm Perfume-nelle diverse varianti per Lui e per Lei-a base di fiori di sambuco, Saint Germain, Rum-per Lui-Vodka-per Lei-succo di limone, La Mula, con tequila, Arancia, Grand Marnier, Maracuia, o Mi ToNa, Campari, Vermouth Rosso e Limoncello. Non manca un privè nella zona sopraelevata del locale, che contiene sino a 50 posti ed è perfetto per eventi privati, cene romantiche, incontri di lavoro. Aperto a pranzo e cena, per il pranzo propone un menu tradizionale rivisitato con prezzi business lunch, per la cena, invece, è un mix di culture culinarie frutto dello chef Gianluca Rosano Wayne,che propone cucina italiana con contaminazioni di eccellenze etniche, piatti fusion, ricerca di prodotti di qualità nel rispetto della materia prima e dei prodotti stagionali, che provengono da aziende leader nel settore, ma anche da piccoli produttori Italiani, per la massima valorizzazione della cucina del nostro Paese. Tra le contaminazioni con la cucina del mondo, spiccano alcuni piatti a base di peperoncino peruviano, il Rocoto, o Aji Amarillo. Non mancano le ispirazioni ad Asia e Sudamerica, come il Filetto di Black Angus con variazione di funghi, cavoli e salsa Nikkei, il Tataki di Black Angus in salsa in salsa anticucho di peperoni cruschi. Dedicata alla Francia, poi, la terrina di foie gras, chutney al mango e pomodorini di ispirazione Inglese, con pan brioches alle noci. Tra gli antipasti, potrete scegliere la tartare di dentice, guacamole, tagliatelle di seppie e quinoa croccante, lo sgombro affumicato, piselli al wasabi, salsa teriaky e pepe sansho, l'entranha di Black Angus, purea di mele e zenzero e peperone crusco. Ottimi i crudi di mare, come i mix di pesce fresco, abbinato alle varie salse, secondo il proprio gusto. Tra i primi, spaghetti di Gragnano coulis di ricci di mare e nduja,i veri, unici e originali ravioli cacio e pepe, lime , bottarga e tartare di gamberi, piatto firmato e ideato dallo chef di Otivm, che molti hanno cercato di copiare. Tra i secondi Tomahawk alla brace, o il Black Cod glassato al miso e pak choi croccanti. Tra i dolci, il tirami su OTIVM, il Total White, cocco, yogurt, meringa, cioccolato bianco, Opera, con cioccolato, nocciola e caffè con salsa al cardamono. Tra i piatti novità, il Golden Steak, filetto con oro, cucinato alla brace e ricoperto con foglia d'oro. Dal 20 Settembre, in occasione della presentazione del menu invernale, le new entrysaranno il Petto d anatra affumicata, con prugne marinate al Pisco cavolfiore e mandorle, il Sashimi di salmone leche de tigre al topinhambur, con variazioni di peperoni, mais cancha, la Tartare di scampi, zucca, foie gras mele e aceto balsamico e il sushi all'italiana con riso rosso Ermes branzino, gamberi di Mazzara pere stracciatella e fusion alla soya. Tra i Primi , Risotto Milano con astice frollato e riduzione di fichi e tosazzu e la pescatrice cotta a bassa temperatura, zucca guanciale funghi enoky e brodetto unami. Il menu è sempre tutto legato alle sue esperienze lavorative e ai viaggi fatti, una “cucina senza confini”, come ama dire. “Grazie alle esperienze fatte in giro per il mondo ho potuto sperimentare vari tipi di cucina che per me equivale ad assenza di orizzonti, per un sapiente mix di ingredienti che raccontano le culture dei vari Paesi, per accontentare tutti i palato”-dice Gianluca Rosano Wayne, che ha al suo fianco, come sous chef Luigi Codispoti. 20 anni di esperienza nel settore, ha lavorato in Francia, al Lisa dagli occhi blu di Mario Tessuto con Gianni Frau; dopo diversi stagioni al Tartarughino a Porto Rotondo, ha collaborato con chef Peruviani Stellati, come Virgilio Martinez ed Edgardo Humerez, poi ha lavorato con Antonio Sorrentino e “Giacomo”. Rispetto delle materie prime, stagionalità dei prodotti, studio approfondito degli alimenti e provenienza restano i suoi cavalli di battaglia. OTIVM propone anche piatti vegetariani, per intolleranti al lattosio e gluten free e al tavolo è possibile controllare la scheda tecnica delle intolleranze a disposizione di tutti i clienti. Sparkling Vip Numerosissimi e felici, i nostri ospiti hanno partecipato generosamente al tradizionale appuntamento a favore della Lega Nazionale per la Difesa del Cane Sezione di Milano che festeggerà presto il reparto degenza e cuccioli del Rifugio di Segrate a cui era dedicata la raccolta fondi. SPARKLING VIP torna nella sua location d'origine, grazie a Daniela Bertazzoni, presso il ristorante Caruso del prestigioso Grand Hotel et de Milan, nel cuore di Milano. Ad accogliere gli ospiti deliziosi finger offerti dalla location e bollicine, as always, by Le Torri Agriturismo ed Azienda Vinicola, sponsor immancabile. Le soprese e le idee regalo sono state tante: in primis le bottiglie “Sparkling V.I.P. – Very Important Pet” di vino spumante Rosé Brut della Cantina Le Torri, presenti anche i calendari da tavolo e da muro, realizzati con immagini di alcuni degli ospiti del Rifugio di Segrate, i Panettoni e i Pandorati, prodotti con prezzo amico dalla pasticceria, La Torinese, azienda artigianale italiana vicina alla LNDC-MI. Grande ospite di quest'anno Guido Bagatta con il suo nuovissimo libro, Chiama il cerca-animali, Storie avventurose di cani e gatti persi e ritrovati edito da Rizzoli. Bagatta, da sempre amico della LNDC-MI e affettuoso papà della bassottina Margot racconta del suo incontro con Gianluca Baldon, il "cerca-animali" proprio grazie al quale aveva ritrovato Margot. Da questo incontro nasce il libro, una raccolta di casi, un po' gialli, un po' da batticuore che vi aspetta con dedica dell'autore. Anche quest'anno è stata proposta la Pesca Benefica “Qua la zampa”: tantissimi premi tra cui bellissime soprese donate da For Pets Only e da Hallo Dog, ritratti dei nostri 4zampe dell'artista poliedrica Laura Zeni, preziosi bijoux by Les Néréides, prodotti per la pulizia dei pelosi by Fantastika Bio e molti altri! Grazie anche a Interstand e a Art&Photos di Giunia Ricci. Grazie di cuore a tutti voi che ogni anno siete vicini ai nostri amici pelosi, quest'anno i nostri ospiti sono stati SUPER! E un grazie anche a Interstand per le ragazze dell'accoglienza e alla fotografa Giunia Ricci La Cina da Mario Consolo Settimana di celebrazioni e grandi aperture per Morino Studio! Ieri sera l'Opening del nuovo elegante e sofisticato showroom di Consolo Mario srl, Chinese works of art Chinese Antiques! Da più di quattro decenni Mario Consolo importa articoli d'arredamento e collezioni direttamente dalla Cina, scegliendo ogni oggetto con cura e criterio. Creazioni artigianali ed artistiche rare, create dagli avi di cultura cinese. La serata di inaugurazione dello spazio, tra bollicine by Le Torri Agriturismo ed Azienda Vinicola musica e sorrisi è stata un altro successo! Nel nuovissimo spazio situato in Piazza Umanitaria 2 a Milano, Mario e Kristina Consolo vi aspettano per un viaggio nelle terre più esotiche. Pinocchio sbarca a Capri Ci sarà anche il costume originale di Pinocchio a 'Capri, Hollywood' in una doppia mostra tutta dedicata al film di Matteo Garrone, per festeggiare Federico Ielapi, il giovanissimo attore che si è trasformato nel burattino più famoso del mondo, vincitore del premio 'Capri Future' 2019 della 24 edizione dell'International film festival (27 dicembre - 2 gennaio)''A solo otto anni Federico ha recitato con grande bravura e professionalità con il premio Oscar Roberto Benigni e un grande regista come Garrone ne ha lodato la serietà nel sottoporsi al lungo trucco quotidiano durante le riprese. Siano felici che possa ricevere l' abbraccio del festival e divertirsi godendosi la nostra sezione kids' annuncia Marina Cicogna per l'Istituto Capri nel Mondo. Ielapi ha già recitato con Checco Zalone in 'Quo vado', con Veronesi nel film 'I moschetteri del Re' e nella fiction Rai 'Don Matteo'. Insieme al lui, come attrice del futuro, sarà premiata Jessica Cressy nel cast di Martin Eden di Pietro Marcello. E la magia di Pinocchio invaderà l'isola per tutta la durata delle festività anche in due importanti monumenti capresi, la Casa Rossa di Anacapri (in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per l'aerea metropolitana di Napoli) e la Certosa di San Giacomo ( in collaborazione con il Polo Museale della Campania). Cheryl Boone Isaacs, già presidente dell'Academy, inaugurerà il 28 dicembre (ore 15.00)la mostra con bozzetti scenici, foto e costumi di 'Pinocchio' di Matteo Garrone (film nelle sale dal 19 dicembre, 01 Distribution) con 30 immagini selezionate dallo stesso regista, esposte al pubblico per la prima volta cosi come il costume di Pinocchio, ideato da Massimo Catini Parrini e realizzato dalla sartoria Tirelli Costumi-Roma che ne ha concesso il prestito. Alla Certosa di San Giacomo si aprirà anche la mostra 'My Divas' di Roberto Rocco con 30 immagini delle più popolari star tra le tante che il fotografo, cresciuto alla scuola di Zeffirelli, ha ritratto. La grande festa del cinema internazionale (che sarà raccontata dal programma di Pascal Vicedomini 'Le stelle di Capri, Hollywood' su Rai Italia), si annuncia nel segno delle donne; chairperson è la regista Francesca Archibugi, presidente l'artista israeliana Noa, madrina la modella italo-cubana Maylin Aguirre. Il festival con oltre 70 proiezioni gratuite nei cinema di Capri e Anacapri si aprirà con l'anteprima di 'Piccole donne' di Greta Gerwig e gode del sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali D.G. Cinema e Audiovisivo e della Regione Campania. Il Trio Amadeus Un concerto seppure breve, quello del Trio Amadeus, che ha arricchito di qualità e grande classe una serata già molto emozionante. In occasione della presentazione del "Calendario dello Stato Maggiore della Difesa 20venti: 20 anni con le donne nelle Forze Armate" in Basilicata, qualche giorno fa, la formazione composta dalla p ianista Rossella Talarico, il clarinettista Vincenzo Accattato e il violoncellista Carmine Fortunato, ha riscosso un meritato successo di pubblico. Il Trio Amadeus ha all'attivo una grande esperienza musicale. Coloro che ne fanno parte possiedono un ricco curriculum, a partire dalle esibizioni orchestrali e solistiche per arrivare ai corsi di perfezionamento, ai quali hanno partecipato sia in Italia che all' estero, tenuti da importanti concertisti. Formazione cameristica nata con lo scopo di diffondere il repertorio musicale classico ma anche moderno e, in particolare, di colonne sonore che hanno segnato la storia del cinema, il Trio Amadeus ha regalato l'altra sera un concerto che ha parlato di Made in Italy attraverso alcune colonne sonore indimenticabili di Piovani e Morricone. In una ventina di minuti, si sono susseguite nell'aria le note de La banda del Pinzimonio (Marcia d'ingresso), seguite a ruota da 3 brani di Morricone: Gabriel's oboe, La leggenda del pianista sull'oceano e Nuovo Cinema Paradiso, per poi concludere di nuovo con Piovani e La vita è bella e Buongiorno principessa. Cosa sarebbe un film senza una colonna sonora? E cosa sarebbe un evento culturale ricco di contenuti, senza un intervallo musicale all'altezza di quei contenuti? Il Trio Amadeus riesce ogni volta a regalare a chi li ascolta una colonna sonora della propria vita, accompagnando con le note nell'aria i più disparati stati d'animo, come la passione, la nostalgia, la ribellione. L'Assessore Mario Castronuovo (Assessore alle Politiche Agricole e Forestali di Francavilla sul Sinni) ha premiato per l'occasione il trio con una stampa serializzata dell'Artista marchigiana Francesca Guidi dal titolo “Around the Moon”, stampata per ricordare il 50° sbarco dell'Uomo sulla Luna. "Un concerto che ha creato magia ed atmosfera suggestiva a favore di tutti i presenti" - ha dichiarato Lisa Bernardini, Pr e Presidente dell'Associazione Occhio dell'Arte che ha collaborato alla realizzazione della serata all'interno della quale il concerto è stato inserito, organizzato dal Sindaco Romano Cupparo e dall'Assessorato regionale alle Attività Produttive. Invitati d'eccezione al concerto, seduti in prima fila: i delegati dello Stato Maggiore della Difesa intervenuti alla presentazione del calendario, e i giornalisti Michele Cucuzza ed Andrea Di Consoli. "Una formazione musicale di collaudati professionisti che, grazie alla tecnica che usano e al sentimento vibrante che ci mettono quando suonano, riescono a dare emozioni autentiche a qualsiasi attento ascoltatore". We are town Christmas Party dal Conte Zanotti Cavazzoni All'ombra della Madonnina presso la residenza milanese del Conte Francesco Zanotti Cavazzoni si e' tenuto il party Christmas in love. Gli ospiti internazionali si sono ritrovati per celebrare il tema dell'amicizia, dell'amore e della musica grazie alla colonna sonora musicale dei DanceFloor Motel che hanno suonato live jazz and soul music creando un'atmosfera magica. In foto da sinistra Francesco Zanotti Cavazzoni e sua moglie Armande, Matteo Gatti e signora , la real estate consultant di We Are Town Consy Ferrerira. Le mille e una notte Sará senz'altro una festa da mille e una notte. Dalle 19 e 30 all'alba, chi ha voglia di sentirsi una stella, almeno una volta nella vita, qui può farlo, tra Photo Call, red carpet e tutto ciò che serve per sognare. Gala Dinner dalle 20 con live music, dalle 23,30 club party, alle 24 fuochi di artificio per celebrare il Nuovo Anno, dalle 24,30 balli fino a tardi. Grandi dj e piatti d'eccellenza fanno il resto. Ma Just Cavalli Milano resterà aperto anche a Natale, per celebrare queste feste nell'esclusiva ed elegante cornice degli eventi piu' glamour e delle cene di qualità.Per la fine dell'anno, si inizierà la serata al Just Cavalli di Milano alle h. 20:00. Tema della serata sarà: “The Great Gatsby”, per una party esclusivo che vi farà sentire una star.Lo staff attento, sarà pronto a soddisfare e a coccolare ogni suo cliente, iniziando con una ricca cena di gala, alle ore 20:30. Al Just Cavalli la cena è in tavoli CONVIVIALI e sarà accompagnata da musica dal vivo.Alle ore 23:00 inizierà l'ingresso del dopo cena. L'atmosfera si farà più calda, con luci soffuse e la musica del Dj Set che si farà sentire fino alle ore 05:00 del nuovo anno! La Disco Just Cavalli Milano propone un divertimento senza freni tra i ritmi scatenati delle più belle hit del momento, passando da vari generi musicali; commerciale, trance, deep house e minimal!Il Capodanno al Just Cavalli di Milano, una serata unica, dedicata a una clientela maggiorenne, internazionale ed elegante. Il Locale Just Cavalli di Milano promette emozioni uniche e indimenticabili. Tutti in Basilicata Successo per l'evento dal titolo STORIE DI DONNE - "Calendario dello Stato Maggiore della Difesa 20venti: 20 anni con le donne nelle Forze Armate". Il Calendario è stato presentato lo scorso 18 dicembre anche a Francavilla in Sinni (PZ), su accoglienza dell'assessore regionale alle Attività Produttive Franco Cupparo e del Primo Cittadino di Francavilla in Sinni, Romano Cupparo. L'iniziativa, che ha celebrato i vent'anni dall'ingresso delle Donne nelle Forze Armate, è stata resa possibile grazie alla collaborazione dello Stato Maggiore della Difesa e dell'Associazione culturale Occhio dell'Arte. "I dodici mesi del calendario raccontano e celebrano il lavoro svolto con professionalità dalle donne che, da ormai due decenni, prestano servizio nell'Esercito Italiano, nella Marina Militare, nell'Aeronautica Militare e nell' Arma dei Carabinieri" - ha dichiarato la giornalista e PR Lisa Bernardini, che dell'Occhio dell'Arte è la Presidente. A Francavilla come autorità militare delegate c'erano il rappresentante dello Stato Maggiore della Difesa, il Tenente Colonnello Giuseppe Prete, accompagnato dal Primo Maresciallo Cosimo Paciulo e dalle 4 testimonials donne che nella serata hanno rappresentato le 4 Forze Armate e che sono salite sul palco: il Sergente Francesca Ciano (Esercito), il Sottocapo Ilaria Corallo (Marina Militare), il 1° Aviere Cassandra Milelli (Aereonautica Militare), il Capitano Audino Lucia (Carabinieri). Ospiti con interventi parlati anche il conduttore e giornalista Michele Cucuzza e lo scrittore e autore RAI Andrea Di Consoli. Ha presentato la commovente serata il volto tg1 Cecilia Primerano. Non sono mancati momenti musicali. A cominciare dal trio Amadeus, formazione cameristica composta dalla pianista Rossella Talarico, dal clarinettista Vincenzo Accattato e dal violoncellista Carmine Fortunato, nata con lo scopo di diffondere il repertorio musicale classico ma anche moderno e, in particolare, le colonne sonore che hanno segnato la storia del cinema. Brani di Piovani e Morricone hanno risuonato nelle sale del Cinema Multisala, location scelta per lo svolgimento della iniziativa, e a concludere la manifestazione è stato Giuseppe Gambi, tenore pop napoletano che proprio quest'anno compie 10 anni di carriera, e che è intervenuto con la sua splendida voce di ambasciatore del bel canto italiano e napoletano nel mondo. Entrambi alla fine delle loro performances sono stai premiati con una stampa artistica dell'artista marchigiana Francesca Guidi dal titolo "Around the moon". Fu la legge 380 del 20 ottobre del 1999 a consentire alle donne di arruolarsi nelle Forze Armate permettendo, di fatto, all'Italia di allinearsi ad una realtà comune a tutti gli altri paesi membri della Nato. Da allora sono quasi 16 mila le donne “con le stellette” ed è a loro, fucilieri, piloti, marinai in servizio di ordine pubblico e nel controllo del territorio, pronte a ricoprire incarichi di vertice delle Forze Armate che il calendario è dedicato. I proventi della vendita del calendario a Francavilla in Sinni sono stati interamente devoluti all'associazione locale “Rinascita Meridionale”, dal 1997 punto di riferimento per donne e bambini in difficoltà. FOTO - Il sindaco di Francavilla in Sinni con le testimonials presenti e Michele Cucuzza Yilian Canizares e "Erzulie" Il 18 e il 21 gennaio la violinista, cantante e compositrice cubana YILIAN CAÑIZARES sarà fra gli ospiti di PAPJAZZ, il Festival Jazz Internazionale di Haiti, giunto alla 14°edizione, in programma dal 18 al 25 gennaio. L'artista presenterà per l'occasione i brani del suo ultimo album di inediti “ERZULIE”, dedicato alla cultura haitiana, già disponibile in tutti in negozi, in digital download e sulle piattaforme streaming. Sul palco Yilian sarà accompagnata dal gruppo “The Maroons”, band di musicisti di nazionalità e culture diverse fra loro. “Erzulie” è composto da 12 brani in cui l'eleganza del jazz incontra il ritmo della musica latina. Una commistione di culture diverse tra loro ma allo stesso tempo simili come quella haitiana, che ha ispirato l'artista, e quella cubana. L'album, inciso a New Orleans, esplora la realtà culturale e musicale di Haiti (Erzulie è una dea del Vodou haitiano, l'essenza della femminilità e della passione), che non poco ha in comune con la ritualità afro-cubana. Proprio da Haiti, con la figura di Toussaint l'Ouverture (rivoluzionario haitiano afroamericano, ex schiavo che guidò la rivolta degli schiavi di Saint-Domingue), nascono infatti le grandi rivolte degli schiavi nelle Americhe: uno spirito libero, fiero e indipendente che emerge in ogni singolo brano dell'album “Erzulie”. Yilian Cañizares esplora il percorso che dall'Africa porta ai Nuovi Mondi afro-ispano-caraibico-americani, quel laboratorio che ha permeato di sé gran parte della cultura musicale africano-americana e che oggi va espandendosi e affermandosi in quegli Stati Uniti dove, non casualmente, lo spagnolo è diventato la seconda lingua ufficiale. L'artista dipinge un affresco musicale espressione di un meticciato contemporaneo, non a caso infatti ha scelto di essere accompagnata sul palco da un gruppo di musicisti di nazionalità e cultura diversa, denominato “The Maroons” (espressione anglofona usata per indicare le comunità e le etnie che discendono dai primi Cimarroni, schiavi africani fuggiti dalle piantagioni e rifugiatisi nella foresta). L'album “Erzulie” è stata anticipato in radio dal singolo “Habanera”, il cui video è visibile al seguente link: www.youtube.com/watch?v=IBbJL3VaQ0Q. Questa la tracklist di “Erzulie”: “Habanera”, “Contradicciones”, “Yemayà”, “Erzulie”, “Noyé”, “Lo que no digo ahora”, “Manos abiertas”, “Cimarròn”, “Gloria mìa”, “Cuando te digo adiós”, “Libertad”, “Yeyé”. Yilian Cañizares è una giovane cantante e soprattutto violinista nata a Cuba, formatasi a Caracas (il benemerito “Sistema”) e perfezionatasi in Svizzera, dove si è trasferita e naturalizzata e dove si è affermata alla Montreux Jazz Festival Competition nel 2008. Yilian Cañizares già vanta un palmarès di tutto rispetto in materia di collaborazioni: Ibrahim Maalouf, Omar Sosa, Youn Sun Nah, Richard Bona, Chucho Valdés, Roberto Fonseca, Dhafer Youssef, El Comité. Ha al suo attivo tre incisioni a suo nome (“Ochumare” nel 2013, “Invocación” nel 2015, “Águas”, prodotto in collaborazione con Omar Sosa, nel 2018) e una quarta “Erzulie” uscito lo scorso 15 novembre. Omaggio a Federico Fellini Il 20 gennaio del 1920, ormai 100 anni fa, nasceva a Rimini il grande Federico Fellini. Regista, sceneggiatore, fumettista e scrittore italiano, è considerato uno dei maggiori nomi della storia del cinema mondiale. Omaggio a Federico Fellini: parte da Roma l'amarcord teatrale per i 100 anni dalla sua nascita Martedì 21 gennaio 2020, ore 21, presso il teatro Lo Spazio di Roma, andrà in scena "In viaggio con Fellini - Note, ricordi, sue fantasie", in cui l'attore e regista Francesco Sala interpreta Federico Fellini che racconta di sé e della sua immortale arte L'OMAGGIO - Il 20 gennaio del 1920, ormai 100 anni fa, nasceva a Rimini il grande Federico Fellini. Regista, sceneggiatore, fumettista e scrittore italiano, è considerato uno dei maggiori nomi della storia del cinema mondiale. Nell'arco di quasi quarant'anni, da Lo sceicco bianco del 1952 a La voce della Luna del 1990, ha collezionato 4 Oscar per la categoria "miglior film straniero", esattamente per La strada, Le notti di Cabiria, 8½ e Amarcord, mentre nel 1993 gli è stato conferito quello alla carriera. I titoli dei suoi più celebri film, tra cui anche I vitelloni, La dolce vita e Roma, sono diventati famosi in tutto il mondo. GLI APPUNTAMENTI - E' per questo che da Roma, la sua città d'adozione che tanto ha amato, in cui si trasferì nel 1939 per cercare di intraprendere la professione giornalistica e in cui morì nel 1993, partirà un delicato, toccante e ironico omaggio teatrale. Un "amarcord", direbbe lui. Martedì 21 gennaio 2020, ore 21, presso il teatro Lo Spazio di Roma, andrà in scena "In viaggio con Fellini - Note, ricordi, sue fantasie", in cui l'attore e regista Francesco Sala interpreta Federico Fellini che racconta di sé e della sua immortale arte. Accanto a lui ci saranno la cantante Raffaela Siniscalchi, il maestro Antonio Nasca al pianoforte e il contributo artistico di Brivido Pop, all'anagrafe Marco Innocenti. Con la regia dello stesso Francesco Sala e con la preziosa collaborazione di Viola Pornaro, prodotto da Enrico Carretta. Con l'amichevole partecipazione di Gioia Ricci e degli allievi del Cantiere Teatrale, con il contributo di Schalcon spa. Ufficio Stampa: Uozzart. Il biglietto intero è di 12 euro, ridotti 9. In programma anche letture speciali e omaggi artistici. Per i mesi successivi, invece, lo spettacolo viaggerà prevalentemente all'estero: ci sono già richieste, infatti, da Budapest, Amsterdam, Polonia e Iran. LO SPETTACOLO - Lo spettacolo teatrale ha mosso i suoi primi passi presso il ristorante vegetariano Il Margutta Veggy Food & Art, che ne ospiterà il 16 gennaio una presentazione esclusiva. Nel tempio del gusto "green", cinque anni fa, andò infatti in scena “Sotto casa di Federico – Omaggio a Fellini”: una "cena teatrale", organizzata e fortemente voluta da Tina Vannini, da cui lo spettacolo del 2020 si è ispirato. Federico Fellini, quindi, torna nuovamente nella "sua" via Margutta, a pochi metri dalla sua storica casa e da quella targa, troppo poco conosciuta, che lo commemora. "Un set cinematografico, semplice, spoglio - anticipa il regista Francesco Sala - Uno schermo bianco cinematografico, due stativi con dei proiettori montati alle estremità, una sedia da regista con un megafono a terra, delle valigie di cartone posate da un lato. E si materializzerà Federico Fellini, come animatore di un happening, medium di una seduta spiritica cialtrona, istrionica, buffonesca, in maniera sorniona, autorevole, malinconica, inedita, ci racconterà episodi nuovi suggestivi, accostamenti, idee, sogni, progetti in parte realizzati in parte no. Sarà come dice il titolo dello spettacolo: come fare un viaggio di un'ora e dieci con lui". Michele Cucuzza al GF Vip Michele è il piu' singolare personaggio della tv italiana, perchè sa fare un po' tutto. Ha appena pubblicato il suo libro, "Fuori dalle bolle" (Armando Curcio Editore), che puo' essere definito un aiuto rivolto ai piu' giovani per districarsi nel caos del mondo della Comunicazione; un mondo dove si puo' trovare tutto, ma al contempo dove facciamo fatica a capire qualcosa. Michele ha avuto molte vite, e nella sua attuale, probabilmente la più completa, ha costruito l' immagine di un uomo a trecentosessanta gradi: fa convegni, scrive libri, dirige quotidiani, pubblica, va in tv come opinionista, è un uomo di Informazione pluripremiato che ha condotto tg e presentato trasmissioni di attualità, ma è soprattutto un personaggio che non si prende sul serio. Scherza su se stesso, ha fatto finanche la sua parodia. Insomma: l'illustrissimo Dr. Cucuzza accetta la sfida più popolare e probabilmente a rischio che oggi fornisca la tv italiana: rimanere sotto le telecamere del Grande Fratello Vip per soddisfare la curiosità voyeristica dei telespettatori (in senso televisivo, ma non solo). Fobie, paranoie, frustrazioni, difetti, e solo da ultimo i pregi: tutto viene passato al vaglio del GFVip....e la pressione è tanta, e spesso i nervi saltano. Riuscirà il nostro Michele a resistere all'umanità più disparata che troverà all'interno della Casa? O sarà una dura prova per lui e tutto il cucuzzaro che si porta appresso come bagaglio di tante vite??? "Non so cosa mi aspetta, sono curioso anche io; la convivenza duratura non è il mio forte, e lo premetto...ma sono uno che ha sempre fatto di tutto e tuttora credo di essere considerato uno di casa dal pubblico che mi ha conosciuto in cosi' tanti panni diversi, e che continua a seguirmi da sempre" - dichiara a Dagospia il prossimo inquilino della location più spiata d'Italia. "Si', accetto proprio la sfida" - aggiunge il nostro Michele nazionale. "E speriamo che me la cavo" - conclude con la solita ironia che chi lo conosce veramente bene non ha difficolta' a confermare.

Dai blog