Cerca

Carta canta

La moglie di Veronesi: "Mi confessò di avere un altro figlio"

La rivelazione ne "Il cuore, se potesse pensare", il libro autobiografico di Sultana Ranzon: "Però mi ha sempre sostenuto nei momenti difficili"

10 Giugno 2013

6
Umberto Veronesi

Umberto Veronesi

Si chiama Il cuore, se potesse pensare. E' il libro autobiografico di Sultana Ranzon, moglie di Umberto Veronesi, in cui racconta i suoi 81 anni scanditi da tragedie e felicità. Sultana spiega di aver scritto "per i figli e i nipoti, prima che l'oblio e la morte ricoprano di un velo polveroso i pensieri e le esperienze di una vita". Una vita, lei ebrea, in cui è stata anche nel campo di concentramento di Bergen Belsen. Poi Milano, la povertà, le malattie, la laurea e quindi il grande amore, l'oncologo Umberto Veronesi.

"Mi sentiì gelare" - Proprio sul marito, la Ranzon si lascia andare a una confessione. Sulla sua infedeltà. "In macchina Umberto disse improvvisamente: Ti devo fare una confessione. Guardando fisso la strada: Ho un altro figlio di quattro anni. Mi sentiì gelare". Sultana, però, comunque dice che "devo ringraziare con amore e riconoscenza mio marito, che mi ha sempre sostenuto nei momenti difficili. Le sofferenze che mi ha inflitto, involontariamente o volutamente, devo considerale, a posteriori, come il sale che ha dato sapore alla mia vita". 

L'altra versione - Quindi una seconda rivelazione, consegnata a Stefano Jesurum che la ha intervistata per Io Donna: "Questa che lei ha letto è la seconda versione del libro... La prima l'ho ritirata dalle librerie, era già stampata. C'erano episodi, dettagli... non volevo entrare nella vita di altre famiglie o di altre persone, non volevo ferirli". E ancora, sul marito: "Come l'ha presa? Ma via, erano cose risapute! Sì, è vero, all'inizio un po' si è offeso, però queste pagine non sono che un elogio alla sua personalità, alle sue qualità".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Meneghino

    18 Novembre 2014 - 01:01

    Sono convinto che a Sultana Ranzon, suo marito abbia ancora altre cose da confessare.

    Report

    Rispondi

  • BIRDIE

    04 Settembre 2013 - 19:07

    a Milano lo sapevano tutti , bell'uomo, ricco e carismatico , piaceva eccome e lui non si è mai elegantemente negato... ognuno ha le sue debolezze ...la moglie ha avuto più corna di un cesto di lumache , evidentemente le faceva comodo non divorziare , poteva risparmiarselo questo libro...

    Report

    Rispondi

  • dx

    11 Giugno 2013 - 17:05

    e a noi, ci cambierà l'esistenza?...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

"È intelligente e preparato". Silvio lancia il Draghi premier: "Se fosse disponibile..."

Matteo Salvini: "Se a qualcuno non piacciono presepio, crocefissi e campanili torni a casa propria"
Beppe Grillo arriva al secondo giorno di Italia 5 Stelle lanciando baci ai giornalisti
Matteo Salvini attacca gli ex alleati: "Il M5s si vergogna a farsi vedere nelle piazze in Umbria"

media