Cerca

Agorà

Gian Luca Brambilla, imprenditore: "Vedere gli immigrati bighellonare col cellulare li rende odiosi"

20 Luglio 2018

3
Gian Luca Brambilla, imprenditore: "Vedere gli immigrati bighellonare col cellulare li rende odiosi"

"Vogliamo mettere questa gente a lavorare con un contratto di lavoro di integrazione? Gli diamo da mangiare e dormire, il servizio sanitario: vederle bighellonare col cellulare per strada li rende odiosi!". Gian Luca Brambilla, imprenditore, ospite di Agorà, su Raitre, interviene sulla questione immigrati e spiega con poche e semplici parole qual è la percezione che ha la gente: "Se non vogliono stare in Italia aiutiamoli a tornare nel loro Paese".  

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    20 Luglio 2018 - 17:28

    Cosi`aumenta la disoccupazione degli italiani. Molto meglio riportarli a casa loro. D'altronde l'ospitalità trova un limite nella capacità di offrire condizioni di vita dignitose. Cosa che mi sembra non siamo capaci di consentire neppure ai poveri di casa nostra.

    Report

    Rispondi

  • Boremetti

    Boremetti

    20 Luglio 2018 - 16:05

    Ma cosa dite?? Secondo il Bovero Ci pagano le pensioni Forse la birra che bevono gli immigranti fa male al presidente dell' Inps.

    Report

    Rispondi

  • lellac

    20 Luglio 2018 - 15:31

    Ha perfettamente ragione. Con questa storia vergognosa sarebbe proprio ora di finirla. Qui non viene gente che fugge dalla guerra ma solidi manzi che abbandonata la loro terra invece di contribuire a farla crescere vengono a farsi mantenere a suon di euro, wi-fi, cibo scelto, telefonini ultimo modello. Chi è il più cretino, chi si fa mantenere o chi li mantiene??????

    Report

    Rispondi

Matteo Salvini a Cattolica: "Chiederò alla Lega di votare sì al processo sulla Gregoretti"

Nicola Zingaretti, l'appello: "L'Emilia-Romagna si salva se combattiamo tutti insieme"
"Prima l'Italiano". Scopritelo su Camera con Vista 2020, inizio di anno movimentato per la politica italiana
Diego Fusaro e Antonio Socci contestati a Siena da Sardine e Pd: "Via i turbo fascisti", eccoli a testa in giù

media