Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Annalisa Chirico smaschera la collega che la attacca sotto pseudonimo: "Perché non usi il tuo nome?"

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Un articolo contro Annalisa Chirico, la quale - come da titolo - "corteggia i potenti", apparso su La Verità di lunedì 10 giugno. Articolo a firma di Roberto Nuvola in cui della Chirico si dice che è "talmente vellicata nel suo delirio di onnipotenza da poter pensare di poter dettare l'agenda di governo o consigliare Matteo Salvini, tramite interviste di gusto spudoratamente trash". E ancora, altri feroci consigli: "Le cose, però, vanno fatte anche con una certa grazia e, a dirla tutta, sarebbe bene che qualche esponente dell'alta società consigli alla Chirico di mostrare meno cotanta bramosia di potere. Il potere assoluto, soprattutto a Roma, non esiste. Ci sono solo sfere di influenza fluttuanti, effimere, imprendibili come un blob, che è meglio gestire con un briciolo di simpatia e generosità". Articolo assai cattivello, contro la Chirico, la quale oggi - mercoledì 12 giugno - risponde al fuoco, su Twitter. Un cinguettio in cui svela: "Dunque Roberto Nuvola de La Verità si chiama Maria Elena Capitanio", insomma si tratterebbe di uno pseudonimo. E ancora: "Non la conosco, non so chi sia, so però che la signora usa un nom de plume per scribacchiare cosucce livorose sulle colleghe. È proprio vero: il coraggio, se non ce l'hai, non te lo puoi dare", conclude. Leggi anche: "Votare non è reato": Chirico, il messaggio a Salvini Di seguito, il tweet di Annalisa Chirico: Dunque Roberto Nuvola de La Verità si chiama Maria Elena Capitanio. Non la conosco, non so chi sia, so però che la signora usa un nom de plume per scribacchiare cosucce livorose sulle colleghe. È proprio vero: il coraggio, se non ce l'hai, non te lo puoi dare.— Annalisa Chirico (@AnnalisaChirico) 12 giugno 2019

Dai blog