Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Daniela Santanchè contro Repubblica: "Nessuna femminista ha difeso la Meloni perché è di destra"

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

Non è una novità che in casa della sinistra gli insulti alle donne di destra contano ben poco. A notare i diversi pesi e le diverse misure è, ancora una volta, Daniela Santanchè: "Scusate, ma mi sono distratta io o nessuna delle cosiddette 'femministe' nostrane ha ancora speso una parola sull'indegno manganello razzista e sessista di Francesco Merlo contro Giorgia Meloni?! Ah già, è una donna di destra...Vergognatevi!".  Leggi anche: Giorgia Meloni, la lettera a Repubblica: "Frase per frase, tutte le menzogne" La stessa leader di Fratelli d'Italia in passato aveva notato una discrepanza: "Insulti pesanti, minacce ne ho ricevuti tanti, ma essendo io una donna di destra, non ho diritto alla stessa solidarietà alla quale hanno diritto gli altri. Un po' come la logica negli anni Settanta per cui ammazzare fascista non è reato: loro sono rimasti di quella mentalità lì".  Scusate, ma mi sono distratta io o nessuna delle cosiddette “femministe” nostrane ha ancora speso una parola sull'indegno manganello razzista e sessista di @FrancescomerloI contro @GiorgiaMeloni?! Ah già, è una donna di destra... #Vergognatevi! https://t.co/JfyYurvzcR— Daniela Santanchè (@DSantanche) October 25, 2019

Dai blog