Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sallusti, la vergogna del Fatto conto Porro e Hoara Borselli: "Lei è di destra, invece Parietti e D'Amico..."

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

In tv esplode il caso Hoara Borselli. La showgirl, ex miss ed ex compagna di Walter Zenga, è opinionista fissa di Nicola Porro a Quarta Repubblica, ma ha partecipato anche a Non è l'Arena su La7. Sul Fatto quotidiano Nanni Delbecchi e Andrea Scanzi hanno lanciato una gogna pubblica ai suoi danni, chiedendosi a che titolo parli di politica e di cronaca in tv. E Alessandro Sallusti, nel suo editoriale sul Giornale, decide di replicare per difendere Porro e la Borselli: "L'ho vista in tv e mi è sembrato dicesse cose sensate e interessanti, ho apprezzato pure la sua bellezza ma mi rendo conto che agli occhi e alle orecchie di Delbecchi e Scanzi possa apparire imbarazzante".  Leggi anche: "La tragica fine della sinistra italiana". Porro vede Carola Rackete e asfalta Fazio Qui si arriva al vero punto della questione: la Borselli "non è una donna di sinistra e dice cose di destra. E tanto basta per bollarla come inadeguata, spernacchiabile, risibile, ovviamente nel silenzio compiaciuto di tutte le femministe pronte a starnazzare se un maschietto critica anche solo la pettinatura di una di loro". Poi la domanda delle domande a Delbecchi, Scanzi e Marco Travaglio: "Ma perché Hoara no e Alba Parietti sì? Perché Fiorella Mannoia (una cantante) e Sabrina Ferilli (una attrice) o Ilaria D'Amico (giornalista sportiva) vengono interpellate con enfasi su temi politici manco fossero cattedratiche di Diritto Costituzionale e invece una ex ballerina non avrebbe titolo di dire la sua?". Semplice, spiega Sallusti, perché tutte queste ultime sono di sinistra e dunque "più credibili", quasi per diritto divino.

Dai blog