Cerca

Re Giorgio Trema

E' Napolitano il grande sconfitto delle primarie Pd: addio alle larghe intese

Sulla fiducia di mercoledì il Presidente sta tranquillo, ma non è detto che Renzi accetterà di starsene buono fino al 2015

9 Dicembre 2013

13
Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano

Il grande sconfitto delle primarie del Pd è Napolitano: il 70% dei consesi a Renzi sono un colpo di grazia per il sistema che Re Giorgio ha messo su. Con Matteo Renzi segretario del Pd, non solo ha subito un epocale colpo di spugna il gruppo dirigente di Sant'Andrea delle Fratte, ma naufragano miseramente i sogni del presidente della Repubblica che con le larghe intese voleva arrivare alla fine naturale della legislatura. Il rottamatore, fa notare il Fatto, farà infatti di tutto per tenersi a distanza dal Quirinale e smarcare un partito da due anni, cioè dal novembre 2011 del governo Monti, sotto schiaffo dal capo dello Stato. 

Il gioco dei poteri morti - Il coccodrillo per le larghe intese di Napolitano lo ha scritto anche Colin Ward (special guest: Pippo il Patriota) su Dagospia. "La guerra tra il Principino Matteo e il vecchio Re Giorgio è inevitabile e spiega molti imbarazzi di oggi da parte dei Poteri Marci e delle loro protesi di carta stampata, combattuti tra l'esigenza di non giocarsi i favori di Napo Orso Capo e l'innata vocazione a salire sul carro del vincitore. Al gioco dei poteri morti, Re Giorgio è il vero, grande sconfitto di ieri perché il primo partito italiano non è più in mano a gente disposta a baciargli la pantofola". In ogni caso non servirà aspettare più di tanto. Su legge elettorale e "bipolarismo", che poi vuol dire liberarsi il prima possibile di questo governino inciucista e di Corte, si vedrà subito quanto è cazzuto il rottamatore.

La prima volta dal 2007 - Sulla fiducia di mercoledì Napolitano può dormire sonni tranquilli, ma non è detto che Renzi accetterà di starsene buono fino al 2015. Su questo punto il neo segretario Pd è stato chiaro: "Il governo dura se fa le cose". Da parte sua Napolitano, dopo una notte di riflessione, questa mattina ha telefonato al rottamatore per complimentarsi della sua vittoria alle primarie e per ricordagli "l’importante impegno che lo attende". Un impegno davvero importante considerando che per la prima volta dal 2007 il Pd ha un segretario che non intende allinearsi ai dicktat del Colle. O almeno così dice. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ketaon_01

    10 Dicembre 2013 - 10:10

    Subito la mozione di sfiducia al perdente numero 1. Col cervello in acqua da i numeri. E diventa pericoloso oltre che inutile.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    09 Dicembre 2013 - 21:09

    la borsa dell'acqua calda sullo stomaco, la coperta sulle gambe il tutto vista mare in una pensioncina due stelle. Giorgio decaduto, se si volesse accomodare...

    Report

    Rispondi

  • er sola

    09 Dicembre 2013 - 20:08

    Cosa aspetta grillo a presentare la mozione?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

"Renzi non influisca sul governo". Boldrini, paura di perdere poltrone?

Scissione Pd, Matteo Salvini: "Storia annunciata, pensarci prima?"
Scissione Pd, AntonioTajani: "Fuoriuscite da Forza Italia? Non penso, il nostro elettorato è di centrodestra"
Davide Tabarelli, allarme per gli attacchi alle raffinerie: "Il pieno di benzina costerà 10-12 euro in più"

media