Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Veneto, da oggi referendum per l'indipendenza. Zaia: "Attento Renzi, vogliamo scappare"

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

Luca Zaia, governatore veneto, la saggezza pop dice che nel cuore d'ogni veneto ghe xè on Leon, miga on cojon. Da oggi da oggi on line fino al 21 marzo -giorno dello spoglio in piazza dei Signori a Treviso- c'è il «Plebiscito per l'Indipendenza del veneto». «Eviterei le domande: va a votare? O Cosa ne pensa del Plebiscito?». E allora, perdoni, cosa le chiedo? «Per carità, ben venga il Plebiscito, è la terza o quarta volta che si tenta di farlo; e solo la Lega ha raccolto nei gazebo 100mila firme. Ma è l'iniziativa di un partito che si chiama appunto “Plebiscito 2013”, costola di un altro partito , “Indipendenza veneta”. Bisogna fare delle riflessioni. Il sospetto è che la gente voglia l'indipendenza perché, strangolata dalla crisi chiede tassazioni più basse, mi piacerebbe che pensassero all'indipendenza come movimento culturale, tipo Catalogna o Scozia» Diciamolo: dovevate votare l'indipendenza in Consiglio regionale, ma c'eravate solo voi 20 leghisti e pochi altri. Ed è saltato. «Tecnicamente per fare un referendum sul tema ci vuole una legge regionale, e un Consiglio che voti la legge; l'anno scorso non la votò e la fece tornare in commissione, perché quella legge non aveva la maggioranza e non sarebbe passata». Ma sarebbe stata comunque incostituzionale: «La Repubblica è una e indivisibile», articolo 5 della sacra Carta... «Vero, però il diritto di autodeterminazione e il diritto internazionale ci danno ragione, e noi avremmo fatto volentieri scoppiare il dibattito sul referendum. Ma, fosse stato fatto così, da qualcuno per vezzo, non avrebbe avuto efficacia giuridica. La verità è che è importantissimo seguire quel che avviene in Catalogna». In Catalogna? Intende al referendum omologo di Artur Mas? «Sì, loro sono avantissimo: dobbiamo capire se sull'indipendenza riescono ad aprirci un varco. La loro deadline è il 9 novembre 2014. Se l'indipendenza la ottiene Barcellona, seguendo il loro metodo potrebbe ottenerla Venezia». Il premier Renzi si è espressamente dichiarato per il contro-referendum. «Renzi, come tutti da Roma, ci guarda dall'alto in basso, crede che stiamo al Luna Park. Ma il fermento indipendentista è sempre più forte, e non dipende dalla gente del nord sempre più strozzata, dipende da Roma. Matteo l'ha detto chiaramente di non credere alle regioni, anzi fosse per lui le abolirebbe. É un neocentralista che ha un ideale di sviluppo fordista; noi siamo quelli del distretto industriale diffuso. Fosse per Renzi la Bavaria industriale autonoma non esisterebbe. Lui giustifica questa cosa affermando che “ci sono regioni non virtuose”; io rispondo: “ma scusa, perché non punisci quelle?”. La verità è che ci vogliono le palle». Una visione testicolare della politica che richiama la Lega bossiana, e un po' i toni odierni del suo segretario Salvini, oserei... «Salvini sta facendo un buon lavoro. Ma è Renzi che deve avere il coraggio di dire: che metà d'Italia -il sud- è tecnicamente fallita, e bisogna mandare i curatori fallimentari. Vendere le auto blu non risolve il problema, e neanche tassare le rendite finanziarie; è vero che in Germania le aliquote sono al 26%, ma lì hanno la pressione fiscale al 46% , da noi è al 68%..». Però il governo, oggi, lavora in direzione opposta al federalismo come lo volevate voi (che, tra l'altro non ebbe un gran successo). La trasformazione del Senato è diversa dal modello di Miglio, la cancellazione del titolo V° non ne parliamo. «Guardi, il Veneto è la regione più identitaria d'Italia: 7 persone su 10, trasversalmente pensano e parlano in Veneto. Il federalismo, per noi, era un passaggio obbligatorio, una forma di educazione. Abbiamo bussato alla parta con i fiori in mano, ci siamo puliti i piedi sullo zerbino, ma non ci hanno aperto. A 'sto punto, la porta noi la sfondiamo. Ormai siamo al Big bang delle istituzioni, le rivoluzioni nascono dalla fame; e ci siamo, alla fame. Il Veneto può scappare. Perchè siamo incazzati: abbiamo perso 85mila posti di lavoro, siamo quelli che ogni anno lasciano a Roma 21 miliardi di tasse, e ci ignorano...». Però, ora, guarda caso, il ritorno ai regionalismi tentano di cavalcarlo in molti. Grillo, per dire, evoca la «Repubblica di Venezia», roba sua, Zaia. O no? «Grillo non si capisce cosa voglia; se vuole l'indipendenza venga a firmare ai gazebo, ma non penso che i suoi siano d'accordo» A Treviso, però nell'ex «Zaiastan» il sindaco è renziano del Pd... «Onore ai vincitori. Ma io non ho problemi nel mio rapporto con gli elettori. Votano per me ancora 6 su 10. La verità, veda, è che la ricreazione è finita». Questo lo dice anche Renzi. «Questo lo tolga...». di Francesco Specchia

Dai blog