Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giannino vuole l'intesa con Grillo:"Io e lui siamo la vera novità"

Il giornalista e il comico. Oscar vuole un ticket per un'alleanza in parlamento. Ha già l'agenda: "Insieme impediremo ad Amato di andare al Qurinale"

Ignazio Stagno
  • a
  • a
  • a

Oscar Giannino apre a Beppe Grillo. Il leader di "Fare per fermare il declino" strizza l'occhio al Movimento Cinque Stelle. Secondo il gironalista ad unire i due movimenti sarebbe un senso di novità nel panorama politico italiano. "Fare per fermare il declino e Movimento 5 Stelle sono novità autentiche della politica italiana e la loro presenza nel prossimo Parlamento, offrendo ai cittadini un termine di paragone concreto, costringerà anche gli altri partiti a uscire dalle vecchie logiche". Giannino dunque ipotizza un asse tra "frecce" e "stelle" per la prossima legislatura.  Decideremo noi per il Colle - Secondo Giannino questa intesa potrebeb portare a riusultati concreti anche per la scelta del nuovo inquilino del Quirinale. "Il Movimento 5 Stelle rappresenta una rottura nella politica italiana, come il nostro movimento. Il fatto che nelle Camere uscite dalle prossime elezioni un buon numero di parlamentari farà parte di Fare per fermare il declino e del Movimento 5 Stelle vuol dire che avremo una presenza significativa fuori dello schema Berlusconi - Bersani, una presenza che obbligherà gli altri a uscire dalle vecchie logiche, a esprimere una logica diversa. Destra e sinistra potranno avere i numeri ma non più la forza per fare certe cose. Per esempio, non potranno eleggere presidente della Repubblica uno come Giuliano Amato, che percepisce 31.000 euro al mese di pensione con soldi pubblici”. Giannino però sa bene che il suo movimento, nei consensi, non ha la stessa forza di quello grillino. Rispolevrando una vecchia arte della guerra, Oscar cerca di rendere amico chi potrebbe essere un potenziale nemico. 

Dai blog