Cerca

Il piano

Alfonso Bonafede, il piano per colpire Salvini: cosa risponde al magistrato che vuol processare il leghista

17 Luglio 2018

6
Alfonso Bonafede, il piano per colpire Salvini: cosa risponde al magistrato che vuol processare il leghista

Da quasi tre anni il procuratore di Torino, Armando Spataro, accarezza il sogno di processare Matteo Salvini. Dopo che il magistrato ha messo sotto indagine l'allora segretario della Lega per vilipendio all'ordine giudiziario, ha tartassato di lettere l'ex ministro della Giustizia Andrea Orlando, nella speranza di ottenre l'autorizzazione a procedere. Salvini durante un comizio a Collegno il 14 febbraio 2016 aveva detto: "Difenderò qualunque leghista indagato da quella schifezza che si chiama magistratura italiana, che è un cancro da estirpare".

Per ben tre volte la richiesta avanzata al ministro Pd è caduta nel vuoto. Finché la fortuna per Spataro ha cominciato a girare, trovando sponda nel nuovo guardasigilli grillino, Alfonso Bonafede. Salvini per il M5s rischia di diventare più un problema che una risorsa, nel governo di fatto comanda lui, di sicuro è quel che emerge da tv e web, con buona pace di Luigi Di Maio e soci, in costante rincorsa.

La posizione di apertura di Bonafede apre quindi più di uno spazio ai sospetti dei leghisti, con il ritorno dello spettro giudiziario da usare a comando per intimidire ora questo ora quell'altro avversario politico. Alla richiesta di Spataro, Bonafede ha messo i panni del duro e puro, ha assicurato che l'istruttoria è in corso, il fasciscolo sarà definito "senza guardare in faccia nessuno".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    31 Luglio 2018 - 19:07

    Bonafede guardi bene che il popolo vi ha votato e sono incazzatissimi, quindi non fate come i Comunisti altrimenti fate la stessa fine, asfaltati e resettati!

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    31 Luglio 2018 - 19:07

    Purtroppo chi hanno il potere sono i magistrati, non capisco xche x lo stesso reato uno va in galera e l'altro no? evidentemente i conti non mi tornano!

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    17 Luglio 2018 - 13:01

    Spataro ésenza ombra di dubbio un magistrato rosso che vuole usare il potere della giustizia per fare fuori l'avversario politico.Mattarella perchénon interviene?Questa non égiustizia e il presidente deve richiamarlo e se continua si licenzia come avviene per i cittadini comuni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media