Cerca

Si spiegano molte cose

Paolo Savona, c'è lui dietro gli attacchi a Mario Draghi: a luglio, la rottura col presidente della Bce

27 Ottobre 2018

6
Paolo Savona

Fuoco incrociato sul presidente della Bce, Mario Draghi. Gli attacchi piovono in sequenza dai grillini, dove anche il grande capo Luigi Di Maio ha pensato bene di puntare il dito contro il boss dell'Eurotower, affermando che "avvelena l'Italia" piuttosto che aiutarla. Ma anche dalla Lega, seppur più cauta, sono arrivati fendenti contro Draghi, si pensi ad Alberto Bagnai. E su quel che sta succedendo, La Stampa offre un appassionante retroscena.

In prima linea, a coordinare gli attacchi alla Bce, ci sarebbe Paolo Savona, il ministro agli Affari Europei che Sergio Mattarella non volle come titolare dell'Economia. Secondo il quotidiano torinese, sarebbe stata sua la reazione più dura alle parole di Draghi, il quale in buona sostanza non pensa di aiutare l'Italia con l'acquisto di titoli di Stato per placare lo spread. "Ognuno si prende le sue responsabilità", avrebbe commentato, tranchant, Savona, che da par suo vorrebbe che la Bce immettesse più liquidità nell'economia italiana.

Ma non è tutto. Secondo La Stampa, Savona avrebbe anche parlato direttamente con Draghi di una possibile riforma della Bce, magari in modo da renderla prestatrice di ultima istanza, cosa che oggi non è, dopo le elezioni Europee del 2019. Il colloquio sarebbe avvenuto a fine luglio, quando i due si incontrarono a Francoforte. Savona era convinto di uscire da quell'incontro con la speranza che la Bce potesse aiutare l'Italia nel momento del bisogno, ovvero questo, la manovra. Sicurezza che però non era arrivata, così come si sta vedendo in questi giorni. Ed è da lì, dunque, che nascono gli accesi dissapori tra Savona e Draghi, sfociati in questi giorni negli attacchi coordinati dietro ai quali ci sarebbe proprio Savona (il quale, a sua volta, ha messo nel mirino Draghi in un'intervista su SkyTg24).

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 323157

    28 Ottobre 2018 - 08:08

    La follia di Di Maio non ha limiti.Attacca Draghi perche' essendo italiano non aiuta il suo paese a far passare la finanziaria in Europa senza problemi.Ma Di Maio forse non da' che Draghi e' a capo della BCE che deve curare gli interessi dell'EU nel suo insieme e non quelli dei singoli paesi ? Di Maio torni a fare il mestiere che faceva prima di entrare in politica, venditiore di bibite

    Report

    Rispondi

  • 323157

    28 Ottobre 2018 - 06:06

    La follia di Di Maio non ha limiti.Attacca Draghi perche' essendo italiano non aiuta il suo paese a far passare la finanziaria in Europa senza problemi.Ma Di Maio forse non da' che Draghi e' a capo della BCE che deve curare gli interessi dell'EU nel suo insieme e non quelli dei singoli paesi ? Di Maio torni a fare il mestiere che faceva prima di entrare in politica, venditiore di bibite

    Report

    Rispondi

  • Vittorio Griffo

    27 Ottobre 2018 - 18:06

    Ma Savona lo sa che per rendere la BCE prestatrice di ultima istanza occorre una modifica dei Trattati che nessuno degli Stati contraenti, a parte l'Italia, è disposto a fare? Nessuno vuole pagare i debiti fatti allegramente dall'Italia con i soldi dei propri contribuenti. Chi fa debiti li paga!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Venezia, ecco come sarà il Mose una volta completato: immagini sorprendenti

Salvini ironizza su Zingaretti: "Dopo la riproposta dello Ius soli si è preso i 'vaffa' pure dagli alleati"
Che tempo che fa, David Grossmann con Liliana Segre: "So cosa ha passato"
Maltempo, Alto Adige in ginocchio sotto la neve: valanghe come colate di lava, interi villaggi devastati

media