Cerca

Il presidente del Consiglio

Giuseppe Conte a Bruno Vespa: "Noi barbari? Mi piace". Poi la clamorosa frase sul "cerbiatto" Luigi Di Maio

7 Novembre 2018

0
Giuseppe Conte, la rivelazione a Bruno Vespa: "Noi barbari? Mi piace"

"Questo è un governo rivoluzionario mi dice Luigi Di Maio, con i suoi placidi occhi di cerbiatto mentre l'Europa e i mercati finanziari sono in tempesta. Mi piace la definizione di barbari aggiunge sorridente Giuseppe Conte nel suo ufficio di Palazzo Chigi. Per i greci, barbaro era lo straniero, l'estraneo alla comunità. Bene, noi siamo estranei all'establishment". Così il premier Giuseppe Conte definisce il governo giallo-verde nel libro di Bruno Vespa Rivoluzione - Uomini e retroscena della Terza Repubblica. Il Corriere della Sera ha pubblicato un estratto dal capitolo Il settimo sigillo.

Leggi anche: 48 ore per non morire. Di Maio, sfogo tragico: terremoto nel M5s

"Governo rivoluzionario? Be', sì: una cosa simile non si era mai vista osserva Matteo Salvini. Altro che Alberto da Giussano, altro che Braveheart di antiche memorie bossiane: il signore che mi sta davanti nel suo appartamento da single nel cuore di Roma è lo stesso al quale la rivista americana Time ha dedicato una delle copertine che scandiscono la storia. È vero che nell'ultimo secolo era capitato anche a Mussolini (sette volte), De Gasperi (due volte), Togliatti, Berlinguer, Veltroni, Berlusconi e Monti, ma il titolo sopra la foto di Salvini, Il nuovo volto dell' Europa, ne sancisce un ruolo di leadership molto elevato. E il titolo interno (L' uomo più temuto d' Europa) ne fa il nemico da abbattere. Esattamente quel che Salvini cerca". Rivoluzione, dunque, commenta Vespa. "Non eravamo abituati". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media