Cerca

Scandalo

Federica Mogherini e i vertici della Ue tifano Iran: vogliono che i nuovi nazisti abbiano l'atomica

22 Gennaio 2019

0
Federica Mogherini

Godetevi le dichiarazioni di ieri del generale Aziz Nasirzadeh, capo dell' aeronautica iraniana. «Siamo pronti per la guerra decisiva che porterà alla scomparsa di Israele». Perché che «il giorno promesso» arrivi è fuori discussione, nella personale teologia del generale e degli ayatollah. Per cui l'Iran è «impaziente di combattere il regime sionista» onde «eliminarlo dalla Terra».

Da quando è scomparso un celebre imbianchino austriaco, non si ricordano affermazioni d' intenti così coerentemente antisemite. Beh ma questo sicario con le stellette e i suoi mandanti, l' oligarchia teocratica islamista di Teheran, saranno dei paria internazionali, osteggiati dall' intero mondo civile, in primis quelle anime belle progressiste sempre pronte a tirare in ballo la Shoah al primo barcone di migranti in difficoltà...

Macché. Ali Khamenei, la Guida Suprema del regime, i suoi gerarchi, i suoi generali che dichiarano in mondovisione di puntare alla cancellazione dello Stato ebraico dalla carta geografica, sono ad esempio i cocchi dell' Unione Europea, quel Politburo così ossessionato dall' avanzata elettorale dei "sovranisti", da perdersi per strada l' avanzata strategica e militare dei nuovi nazisti.

CONTRO GLI USA
Per ricordare solo l' ultima puntata di questa saga di amorosi sensi, rispetto a cui il patto di Monaco assume i contorni di un momento dignitoso: le istituzioni europee, ha rivelato recentemente il Wall Street Journal, non parteciperanno al summit sul Medio Oriente organizzato dagli Stati Uniti in Polonia per metà febbraio. Come hanno poi confermato sotto anonimato parecchi eurodiplomatici, la scelta è «espressione della volontà di non unirsi al fronte anti-iraniano capeggiato da Trump». Nessuna urgenza di imbastire un fronte del mondo (in teoria) libero contro un totalitarismo religioso che mira a "eliminare" l' unica democrazia dalla mappa del Medio Oriente, l' odiato Stato degli odiati ebrei.

Tra le graziose politiche di buon vicinato adottate da Teheran figurano: finanziamento e sostegno militare ad Hezbollah, perennemente intenta a scavare tunnel attraverso cui portare morte e attentati dentro le viscere d' Israele.

SOLDI AD HAMAS
Finanziamento e sostegno militare ad Hamas, nel cui statuto è scolpito che Israele «rimarrà in esistenza finché l' islam non lo ponga nel nulla». Presenza e attività anti-israeliana sul suolo siriano della Forza Quds, l' unità speciale del Corpo delle Guardie della rivoluzione islamica addetta alle operazioni all' estero. Responsabile di quella che il governo Netanyahu ha indicato come l' ultima escalation: il lancio di un missile terra-terra di media gittata contro le alture del Golan. «Un attacco premeditato in un' aerea dove c' erano migliaia di civili israeliani», ha detto il portavoce militare da Tel Aviv. Sono quei civili di cui non leggete mai nei nostri giornaloni, che anche ieri indugiavano sui raid aerei israeliani in Siria omettendo la lievissima postilla per cui si trattava della risposta al lancio del suddetto missile.

Nessuna meraviglia: il coro del Giornale Unico è stato tutto a favore dell' accordo sul nucleare coi nuovi nazisti, zelante ripetitore delle tesi dell' Unione Europea. L'Alto rappresentante Ue per gli affari esteri (non ridete, così è) Federica Mogherini all'indomani dell' accordo si precipitò in visita omaggiante con velo d' ordinanza e proclamò che «con l'Iran è il momento di costruire un' alleanza di civilizzazioni», una frase che poteva stare bene in bocca al dottor Goebbels, visto l' antisemitismo radicale degli interlocutori.

JUNCKER DIXIT
Ma anche Jean-Claude Juncker si è difeso, quanto a sottomissione volontaria, ribadendo recentemente che «l' Ue è determinata a salvare l' accordo con l' Iran» nonostante la fuoriuscita e le sanzioni degli Stati Uniti imposte da Donald Trump. Sanzioni che del resto la Ue aggira esplicitamente, da quando ha annunciato la creazione di un canale speciale per «facilitare i pagamenti legati alle esportazioni iraniane».

Non sappiamo quanti missili da scaraventare sulle teste dei cittadini israeliani siano stati costruiti con tali "pagamenti". Sappiamo però che eurocrati, giornaloni, intellettuali avvezzi a menarcela con la causa palestinese, domenica prossima, Giorno della Memoria, si affolleranno tutti sul pulpito ad ammonirci sull' Olocausto di ieri, mentre tengono bordone a chi prepara l' Olocausto di oggi. Si chiama ipocrisia, e fa un po' schifo.

di Giovanni Sallusti

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Liliana Segre, a Milano la marcia di solidarietà dei sindaci: "L'odio non ha futuro"

Matteo Salvini, messaggio ai giallorossi: "Il mio obiettivo è tornare al governo"
Zingaretti, l'amara ammissione sulla verifica di governo: "Dobbiamo ridare la fiducia agli italiani"
Mes, Giuseppe Conte: "Non temo il confronto con il Parlamento"

media