Cerca

aut aut

Matteo Salvini, il diktat a Silvio Berlusconi: "O così, o si rompe l'alleanza". Cav all'angolo

21 Febbraio 2019

0
Silvio Berlusconi, Matteo Salvini

Mentre tutti parlano di un avvicinamento tra renziani e berlusconiani, anche dopo la telefonata del Cavaliere a Matteo Renzi per esprimergli la sua solidarietà per l'arresto dei genitori", si allunga la distanza tra Silvio Berlusconi e Matteo Salvini. L'alleanza tra il leader della Lega e il Movimento 5 stelle sembra reggere bene, tanto che si vocifera su una prospettiva inedita di confluire insieme nello stesso gruppo in Europa. Sulla Diciotti è finita bene, sulla Tav è tutto rinviato. 

Ora, rivela La Stampa in un retroscena, si sta pensando ad una alleanza tra verdi e gialli anche per le elezioni regionali con lo scopo di conquistare le "rosse", Emilia-Romagna, Marche, Umbria e Toscana. Per Salvini, poi, espugnare le roccaforti del Pd sarebbe davvero un sogno. E l'alleanza con Berlusconi, che ormai ha la metà dei consensi dei grillini, sembra più un ostacolo che altro.

E così è iniziata la guerra totale. Qualcuno in Forza Italia sostiene che il Cavaliere è furibondo per una voce arrivata ad Arcore: per le prossime elezioni amministrative, Salvini pretenderà per la Lega tutti i candidati sindaci (per le città sopra i 15 mila abitanti). Un diktat vero e proprio che farà esplodere definitivamente il centrodestra.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media