Cerca

Ma è serio?

Romano Prodi vuole il male dell'Italia: "Angela Merkel a capo della Commissione Europea"

17 Marzo 2019

0
Romano Prodi

Il nuovo Pd di Nicola Zingaretti ci porta in dote anche il ritorno di Romano Prodi, che ha recentemente detto di star pensando a riprendere la tessera del partito e dunque al ritorno in politica. Un'ulteriore conferma arriva in un'intervista a L'Espresso, in cui Mortadella si lancia in un appello davvero indigeribile. A poche settimane dalle elezioni Europee dove è previsto il botto dei partiti sovranisti, chiede una riforma radicale della Ue: "Serve un nuovo Risorgimento - dice l'ex premier -. La bandiera dell’Europa, da affiancare a quella italiana. Nel mondo che non era ancora globale per difenderci bastava la bandiera italiana, ora ne servono due, c’è bisogno dell’Europa". E fin qui, tutto bene (o quasi). Il problema sorge quando Prodi fa una seconda proposta per risollevare le sorti dell'Europa: indicare Angela Merkel come prossima guida della Commissione europea. Secondo Prodi, "potrebbe essere lei la nostra Thomas Becket da uomo di potere alla corte del sovrano a vescovo convertito. Era considerata la custode degli interessi nazionali della Germania e la nemica dell’Europa, oggi ne può incarnare lo spirito". Insomma, da Juncker alla Merkel: il peggio per l'Italia.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Evasione a Poggioreale, non accadeva da cento anni. Ecco il lenzuolo utilizzato per scappare

Contro-esodo, ferie finite per 7 italiani su 10. Bollino rosso sulle strade
Liguria, i vigili del fuoco soccorrono un escursionista in difficoltà su una parete rocciosa
Crisi di governo, parla Giovanni Tria: "I conti sono a posto. La legge di bilancio si può fare"

media