Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Salvini, lo schiaffo a Conte e Di Maio al Quirinale: sfregio leghista alla cena cinese

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

Lo schiaffo cinese di Matteo Salvini. C'era un convitato di pietra alla grande cena di gala al Quirinale per l'ospite più atteso dell'anno, il presidente cinese Xi Jinping e la first lady Peng Liyan. I retroscena "glamour" recitano tutti lo stesso copione: canta Andrea Bocelli, menù sontuoso con tortelloni ripieni di carbonara e vitello al tartufo, al tavolo protagonisti istituzionali e politici (accanto al padrone di casa Sergio Mattarella, il premier Giuseppe Conte e il vice grillino Luigi Di Maio), la sindaca di Roma Virginia Raggi, il governatore di Bankitalia Ignazio Visco, l'ex ct di Italia e Cina Marcello Lippi, il presidente dell'Inter Steven Zhang. Leggi anche: "La trappola sul debito". Così la Cina potrebbe comprarsi l'Italia Chi mancava? Sì, proprio lui, Salvini, il leader assai scettico sul memorandum "via della Seta" e gli accordi commerciali e strategici Italia-Cina. L'unico, tra Conte e Di Maio, a sollevare dubbi sull'accordo con il gigante asiatico. No, non era un caso.

Dai blog