Cerca

Strategie

Matteo Salvini spiega ai suoi: "Perché per ora non rompo con Luigi Di Maio e M5s"

25 Aprile 2019

5
Matteo Salvini

Si continua a parlare di crisi di governo, che però non arriva. Lega e M5s si scornano, si insultano ma per ora non si lasciano, nonostante i rapporti ormai logori tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Il primo sa che tornare al voto nel breve periodo, per il M5s, potrebbe essere mortale: per i sondaggi infatti il partito gravita attorno al 20 per cento. Salvini, al contrario, potrebbe capitalizzare un consenso altissimo, intorno al 35% (addirittura al 37% per l'ultimo sondaggio di Nando Pagnoncelli), ma per il momento sceglie di non rompere. E perché? Le ragioni sono almeno due. La prima, aprire una crisi di governo su un contenuto politico come poteva essere la Tav era un discorso; farlo ora, in seguito all'indagine su Armando Siri, è vicenda assai più complessa. Un'inchiesta, infatti, offre sponde per i peggiori attacchi ai forcaioli grillini (e non solo). Ma non è questo l'unico motivo che spinge il ministro dell'Interno a frenare. L'altra ragione, secondo la ricostruzione di Augusto Minzolini su Il Giornale, Salvini la ha spiegata chiara e tonda ai suoi: "Fino alle Europee non faremo niente. Poi si vedrà, ben sapendo che se rompiamo, quelli avranno l'alibi per fare una maggioranza con il Pd, visto che tenteranno di tutto per evitare le urne". Eccola, insomma, la vera ragione che frena la crisi. O quantomeno quella con il maggior peso specifico. La voce si rincorre da tempo: M5s e il Pd di Nicola Zingaretti (il quale continua ad ammiccare ai pentastellati) potrebbero trovare un'intesa per evitare il ritorno alle urne, dalle quali i due partiti uscirebbero con le ossa rotte. Valida ragione per soppesare ogni singolo passo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vincentvalentster

    25 Aprile 2019 - 19:07

    Questa storia di un possibile accordo tra 5S e PD è chiara da quando Di Maio ha preso coscienza del disastro alle regionali. Da allora, ha iniziato a flirtare con il PD e ad ostacolare Salvini su ogni questione. A Zingaretti non parrebbe vero ( nonostante ciò che diceva nella campagna delle primarie - mai con i 5S - ) viste le condizioni precarie del suo partito. Ma c'è sempre Renzi….

    Report

    Rispondi

    • rossini1904

      26 Aprile 2019 - 08:08

      Calma e gesso, caro Salvini. Occorre avere i nervi saldi. Continua a fare il pieno di consensi. Per ora non rompere l'alleanza. Non è ancora il momento. Se è necessario sacrifica pure Siri. Lo si ricompenserà in un altro momento. Ora i Grillini vanno cotti a fuoco lento senza concedergli l'alibi di un governo con il PD.

      Report

      Rispondi

  • jeffersonf

    25 Aprile 2019 - 16:04

    la lega sta passando dai migranti con AIUTAMOCI a casa nostra ad armando Siiri con aiutiamo COSA NOSTRA roma se la sono mangiata Mafia Capitale e lui non vuole salvarla aspetta che crepa silvio capitan salvini che erediti tutto il cuccuzzaro...ti stai facendo troppi nemici nel cdx che si sente tradito nel pd che ti da del fascista e nei 5s che vuoi spazzolare solo le leggi che fanno comodo a te

    Report

    Rispondi

  • barry

    25 Aprile 2019 - 11:11

    Ma pensa che strano! Ci voleva Quel genio di minzolini per arrivarci? Io lo sto scrivendo da mesi che rompere adesso significherebbe consegnarsi a un governaccio grillini-pd. I grillini non vogliono le elezioni i compagni tantomeno e l'uomo del Colle è perfettamente allineato con loro, da buon super partes quale NON è mai stato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Giorgia Meloni svela il vero obiettivo di Conte: "Salvare le poltrone del M5s"

Giuseppe Conte entra in Senato, applausi e strette di mano con i ministri 5 stelle. Gelo con i leghisti
Giulia Bongiorno: "Lega compatta, se c'è stata una rottura coi 5 stelle è solo perché vogliamo fare bene"
Luigi Di Maio lascia la riunione dei gruppi M5s senza fare dichiarazioni. Bocche cucite tra i grillini

media