Cerca

Cambio di linea

Luigi Di Maio, il ruolo di Augusto Rubei: rivoluzione M5s, chi c'è dietro la clamorosa svolta a sinistra

15 Maggio 2019

1
Luigi Di Maio, il ruolo di Augusto Rubei: rivoluzione M5s, chi c'è dietro la clamorosa svolta a sinistra

Augusto Rubei, chi è costui? Al grande pubblico, anche quello appassionato di politica, il nome dirà poco o nulla. In realtà, secondo un retroscena del Corriere della Sera, sarebbe proprio il giovane portavoce della ministra della Difesa Elisabetta Trenta (ed ex portavoce della sindaca di Roma Virgina Raggi) l'artefice della svolta a sinistra di Luigi Di Maio che sta mettendo in difficoltà l'alleato Matteo Salvini



Dopo mesi di comunicazione inefficace, ai limiti del disastroso, i vertici del Movimento 5 Stelle (leggi: Davide Casaleggio) hanno deciso di cambiare tutto. Rubei è una sorta di anti-Luca Morisi (l'uomo dietro La Bestia comunicativa di Salvini) e il suo obiettivo, spostando l'asse verso temi di sinistra (salario minimo, reddito di cittadinanza, critiche quotidiane agli alleati su temi identitari come Liberazione e congresso della Famiglia), non sarebbe tanto quello di avvicinare l'M5s al Pd quanto differenziarlo rispetto alla Lega in una polarizzazione che, stando agli ultimi sondaggi disponibili, ha fatto bene a Di Maio e male a Salvini.

Secondo il Corsera, i 5 Stelle hanno poi "rimodulato" il ruolo di Rocco Casalino, confinandolo a responsabile comunicazione del premier Giuseppe Conte, affiancano a Rubei altri uomini forti: Pietro Dettori ai social, Cristina Belotti all'agenda, Sara Mangeri per la stampa e Niccolò Berni coordinatore alla Camera. A cui si aggiungono Gianluigi Paragone (che di comunicazione s'intende eccome) e la senatrice Paola Taverna. Testa e pancia, per affondare l'alleato. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Carlito58

    15 Maggio 2019 - 22:10

    credevo fosse un boscaiolo che si è preso una pausa .....

    Report

    Rispondi

media