Cerca

In prima linea

Alberto Bagnai, la sfida all'Europa: "Le sanzioni? Potremmo non pagarle, non ci sono precedenti"

15 Giugno 2019

0
Alberto Bagnai

Non si nasconde, Alberto Bagnani, in questo momento di battaglia con l'Europa. Il responsabile economico della Lega, intervistato dal Corriere della Sera, fa il punto sulla procedura d'infrazione contro l'Italia, che "ha diversi stadi". Secondo Bagnai, "se ci fossero sanzioni si valuterebbe se pagarle, visto che non ci sono precedenti. Poi c'è la reputazione, ma i mercati rigurgitano di liquidità e c'è fiducia". Dunque, la sfida anche sui mini-bot: "È un'idea di Borghi, non mia. Geniale, perché mette in luce le contraddizioni. Se, come si dice, i mini-Bot mettessero in crisi l'euro, mi preoccuperebbe la fragilità della moneta unica. Comunque sono nel programma di governo", taglia corto.

Interpellato sull'ipotesi di uscire dall'euro, Bagnani spiega che "è un tema non in agenda". Italexit? "In questo momento sarebbe un atto suicida compiere gesti aggressivi come un'uscita unilaterale. E poi non c'è il consnenso del Paese. E io sono per la democrazia". Bagnai non si nasconde neppure quando gli si ricorda che da più parti viene indicato come futuro ministro: "Io sto bene in Senato, dove si può fare molto, ma sono entrato in politica per mettermi a disposizione. Se mi chiamassero a fare altro - Salvini e il premier, con l'avallo del Quirinale - valuterei". E in cima alla lista delle sue priorità ci sarebbe la riforma della governance di Bankitalia, per "renderla meno autoreferenziale" e allinearla agli standard europei.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Migranti, il premier Conte in Senato: "Accordo di Malta non risolutivo"

Tafida, la grande sfida del Gaslini: ricoverata a Genova la bimba affetta da lesione cerebrale
L'aria che tira, Luigi Di Maio travolto da Carlo Calenda: "Show ridicolo, dimissioni immediate"
Eutanasia, i radicali "cercano malati terminali" per lo spot. La rabbia di Pro Vita & Famiglia

media