Cerca

Travolta dagli eventi

Elisabetta Trenta, rivolta dei militari contro la ministra: appello a Salvini, "salva la nostra dignità"

10 Luglio 2019

6
Elisabetta Trenta

Non solo Matteo Salvini. Anche i militari sono studi del ministro della Difesa, Elisabetta Trenta. Gli stessi militari a cui fa riferimento il dicastero guidato dalla grillina, sempre più all'angolo, infatti la disconoscono. Lo fanno - come riporta Il Giornale - con un comunicato diffuso nella serata di martedì 9 luglio. Un comunicato della categoria sergenti e brigadieri del Cocer Interforze con cui le divise delle quattro Forze armate - esercito, aeronautica, marina e carabinieri - lanciano un vero appello, una sorta di sos al ministro dell'Interno.

I militari infatti si dicono "fortemente bistrattati nelle funzioni, nella dignità e nel rispetto della professionalità" e si dichiarano "ignorati dai vertici della Difesa e volutamente non salvaguardati nei prossimi correttivi al riordino". Parole pesantissime. La Trenta viene scavalcata, poiché chiedono un incontro con il titolare del Viminale al fine di rappresentare i loro problemi. Il loro malcontento è sempre più tangibile: in molti, prosegue Il Giornale, si auspicano una sostituzione della Trenta al ministero, un cambio sul quale si vocifera da mesi.

L'ipotesi che circola è che, nonostante le smentite di Giuseppe Conte, il ministro grillino potrebbe essere sostituita con una figura più vicina al mondo militare, figura dunque più gradita. I temi che più stanno a cuore alle divise sono arcinoti e da tempo ignorati: dal riordino fino ad arrivare alla pochissime risorse a disposizione per poter organizzare nel migliore dei modi la difesa del Paese. E su alcuni punti il ministro della Difesa continua a non dare le risposte richieste. O alcuna risposta.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgalaxy

    17 Luglio 2019 - 14:02

    Militari che non conoscono il tuom. Non hanno minimamente idea della catena gerarchica. Mattarella può essere interpellato tramite gli organi di rappresenatnza se il presidente vuole sentirli,ma formalemente nessun militare può trattare argomenti di servizio, soldi, e di disciplina senza rispettare la scala gerarchica. Parlare male poi dei superiori in via ufficiale, non è da militari.

    Report

    Rispondi

  • agosvac

    16 Luglio 2019 - 16:04

    Le nostre Forze Armate non devono rivolgersi a Salvini bensì a Mattarella che delle Forze Armate italiane è il Capo Supremo.

    Report

    Rispondi

  • Gippi

    16 Luglio 2019 - 13:01

    interim interni e difesa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Migranti, il premier Conte in Senato: "Accordo di Malta non risolutivo"

Tafida, la grande sfida del Gaslini: ricoverata a Genova la bimba affetta da lesione cerebrale
L'aria che tira, Luigi Di Maio travolto da Carlo Calenda: "Show ridicolo, dimissioni immediate"
Eutanasia, i radicali "cercano malati terminali" per lo spot. La rabbia di Pro Vita & Famiglia

media