Cerca

Non è un caso

Matteo Salvini e i fondi russi, sospetto Lega. "Ricordate il 20 giugno?", avvertimento dopo il viaggio in Usa

14 Luglio 2019

0
Matteo Salvini e  i fondi russi, sospetto Lega. "Ricordate il 20 giugno?", avvertimento dopo il viaggio in Usa

Nella Lega il responsabile del "caso-rubli" ha un nome e cognome, e non è quello di Gianluca Savoini. Semmai, scrive il Messaggero in un suo retroscena, gli uomini di Matteo Salvini pensano che la trappola sia stata orchestrata dai servizi segreti americani, "irritati per i rapporti forti tra la Lega e il Cremlino". Un avvertimento che ne ha fatto venire in mente un altro, sospetto: "lo scorso 20 giugno, due giorni dopo il ritorno di Salvini dal viaggio a Washington, uscì un rapporto molto duro di Mike Pompeo, segretario di Stato americano, sulla lotta al traffico di immigrati". Quel dossier portò Roma a essere "declassata a livello 2" e irritò profondamente Salvini. Forse era solo l'antipasto di un piatto ancora più indigesto. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

"Se ne deve andare". La meloniana in aula con mascherina, insultata  "Vengo da Milano, e..." 

Coronavirus, la denuncia del leghista: "Deputati bloccati al Nord e la Camera non controlla gli ingressi"
Coronavirus, controlli a Casalpusterlengo: ritardi nei treni a Milano
Coronavirus, Beppe Sala: "Rispettate le regole e niente corse ai supermercati per accaparrarsi cibo"

media