Cerca

Il retroscena

Giuseppe Conte, la strategia dell'attesa: sente Sergio Mattarella e si incontra con il Pd

19 Luglio 2019

0
Giuseppe Conte, la strategia dell'attesa: sente Sergio Mattarella e si incontra con il Pd

In queste ore di tensione al governo tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, il premier Giuseppe Conte ha avuto un incontro riservato con Sergio Mattarella, poi riportato al presidente della Camera pentastellato Roberto Fico. Rivela il Corriere della Sera in un retroscena che il presidente del Consiglio e il vicepremier grillino immaginando già chiusa la finestra elettorale hanno iniziato a stringere l'alleato.

Probabilmente Conte ha cominciato a guardarsi attorno come si vocifera nella Lega dove ci si chiede chi sia l'autorevole esponente di una "forza d'opposizione" che è andato a parlare con il premier: "Certo non Giorgia Meloni e nemmeno Silvio Berlusconi". Quindi, si è pensato, per esclusione, a qualcuno del Pd. Anche perché Maria Elena Boschi, riferendosi a "relazioni pericolose tra il suo partito e il Movimento 5 stelle, cantava "Love is in the air".

Una operazione quella di Conte che però non coinvolgerebbe Di Maio: "Il vero snodo è Conte", spiega l'ex viceministro dem Giacomelli. Per farla saltare Matteo Renzi ha quindi proposto la mozione di sfiducia contro Salvini: così inchioderebbe i grillini, li costringerebbe a stringersi attorno al capo della Lega o a spaccarsi nel voto. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Matteo Salvini brutale sulla Boschi e Renzi: "Disposto a tutto ma mai con loro due"

Ong, Mediterranea si esercita in vista del ritorno in mare: altri sbarchi in arrivo?
Crisi di governo, Mattarella: "Altro tempo ai partiti per trovare un'intesa"
Luigi Di Maio, ovazione dei Cinque stelle al suo arrivo all'assemblea dei gruppi pentastellati

media