Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Elisabetta Trenta, dopo l'sms di ringraziamento della Von der Leyen la voce: "Mandano lei in Europa"

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

"È merito tuo, me ne ricorderò". L'sms che secondo Dagospia la neo-presidente della Commissione Ue Ursula Von der Leyen avrebbe inviato alla ministra della Difesa Elisabetta Trenta per il sostegno avuto nell'elezione a Strasburgo potrebbe presto trasformarsi in una chiamata nella squadra. Leggi anche: "In malafede o non capisce?". Meloni da Giordano, assalto alla Trenta Un retroscena del Corriere della Sera sul complicatissimo mosaico composto da rimpasto di governo e nomine Ue dà in crescita le ambizioni proprio della Trenta, d'area M5s, insieme alla leghista Giulia Bongiorno. La Trenta è stata silurata direttamente da Matteo Salvini, che l'ha inserita insieme a Danilo Toninelli nel ristretto novero dei ministri da cambiare. Blindata dai grillini, la ministra potrebbe però venire rimossa e promossa per due ragioni: libererebbe la casella alla Difesa a un leghista (si parla Raffaele Volpi) e in Europa sarebbe accolta a braccia aperte proprio dalla Von der Leyen, sua grande amica e in debito (e in cerca di nomi femminili per la sua squadra "quote rosa"). Piccolo problema: i 5 Stelle non vorrebbero un loro rappresentante a Bruxelles perché Luigi Di Maio, spiega il Corsera, pretende "mani libere, in modo da poter attaccare liberamente l'Europa quando ce ne sarà bisogno". Per questo, in uno scenario da vero rompicapo, i grillini al momento chiedono di mandare in Commissione un leghista. O una, la Bongiorno.

Dai blog