Cerca

Mani pulite

Vittorio Feltri: "La bufala su Francesco Saverio Borrelli, adesso facciamo giustizia". Chi era e cosa ha fatto

22 Luglio 2019

6
Vittorio Feltri: "La bufala su Francesco Saverio Borrelli, adesso facciamo giustizia". Chi era e cosa ha fatto

La santificazione di Francesco Saverio Borrelli, promossa da quasi tutta la stampa patria, mi sta bene perché i morti hanno sempre ragione e una volta sotterrati sono intoccabili nella loro reputazione. Esatto: l'alto magistrato era colto, un napoletano chic, giurista e musicista, montava perfino a cavallo ma quest' ultima cosa l' ho fatta anche io nell' indifferenza generale, per fortuna.

Transeat. Ciò che mi stupisce e adonta è il fatto che Mani pulite sia stata esclusivamente attribuita a lui in ogni risvolto positivo e negativo. Ed è una bufala.

L'inchiesta sui ladri politici è merito, o colpa, in assoluto di Antonio Di Pietro. Fu quest' ultimo e non altri a capire che i partiti in quegli anni rubavano di brutto per finanziare se stessi oltre ai leader grandi o piccoli, i quali grattavano nella convinzione di fare una cosa buona e giusta al fine di garantire lunga vita alla democrazia. In realtà i capi e i capetti sgraffignavano non a favore della politica, ma sgraffignavano altresì alla politica. Così si assicuravano ville sull' Appia antica, vita principesca, da nababbi. E fu Tonino a stanarli. Il quale all' inizio della operazione di pulizia fu guardato con sospetto pure dai propri colleghi, lo consideravano un elemento di scarto, un contadino togato e sprovveduto, tant' è che era stato cacciato dalla Procura di Bergamo, indesiderato.

Poi però quando i compagni di lavoro milanesi di Di Pietro si resero conto che costui aveva scoperto una miniera di oro trafugato da onorevoli e senatori, allora mutarono registro e si accodarono al supposto buzzurro, dal quale si fecero trascinare verso la gloria.

Mani pulite infatti si divide in due parti. Una squisitamente giudiziaria che portò in galera vari mariuoli e anche personaggi di alto livello. Una seconda che si trasformò in un processo di piazza e in un rozzo repulisti condito con vari errori giudiziari.
Ma ormai i magistrati erano diventati popolari e passavano per eroi. Nessuno ne contestava gli sbagli.

È utile ricordare che Borrelli, al principio scettico sull' inchiestona dipietresca, a un dato momento si accorse che giovava alla reputazione dei giudici e la cavalcò quasi fosse un destriero. Lui quanto gli altri componenti del cosiddetto pool. Il fatto che Francesco Saverio fosse un vero signore non gli impedì di sfruttare la situazione onde conquistare la fama, oggi confermata dagli esagerati elogi funebri tributatigli dal giornalismo più conformista e appiattito del pianeta. Rimane un punto fermo. Il fautore di Mani pulite è stato Di Pietro, gli altri fenomeni autoelettisi tali si limitarono ad assecondarlo allo scopo di salire alla ribalta.

Questa è la storia di cui fui testimone. Il resto è fuffa retorica. Borrelli merita un attestato di stima quale uomo elegante e di classe. Con qualche peccatuccio. Amen.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GianniPinotto

    23 Luglio 2019 - 14:13

    Beh, l'avviso do garanzia, via Corriere della Sera, al G8 non e' proprio un "peccatuccio". E, come al solito, nessuno ha pagato per l'errore e per la fuga di notizie.

    Report

    Rispondi

  • lellac

    23 Luglio 2019 - 11:01

    Tutto vero. Chi non lo condivide è un babbeo.

    Report

    Rispondi

  • giopul1953

    23 Luglio 2019 - 08:38

    Personalmente considero Saverio Borrelli un pessimo magistrato al servizio della politica più che della magistratura. Amava far politica senza passare per le elezioni ed amava indagare solo i nemici (politici). Mani pulite fu il sommo esempio di ingiustizia: il partito comunista, colpevolissimo come e più di tutti gli altri, non fu mai sfiorato da Saverio Borrelli e dai suoi amici magistrati!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Greta Thunberg come una rockstar a Torino: così la svedesina ringrazia la folla

Boris Johnson, l'accoglienza trionfale a Downing Street dopo il trionfo al voto
Giuseppe Conte
Giorgia Meloni, il flusso del trionfo: "8 nuovi voti su 10 per Fratelli d'Italia vengono dal M5s"

media