Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giuseppe Conte, 15 grillini pronti a lasciare i Cinque Stelle per un gruppo di sinistra in suo sostegno

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

Il taglio ai parlamentari non avrà vita semplice. All'interno dello stesso Movimento (la forza politica che ne ha fatto un baluardo) ci sono trenta grillini pronti a sfilarsi nel voto ufficiale sulla riforma. Il numero dei dissidenti potrebbe però aumentare. Lo stesso deputato pentastellato, Giorgio Trizzino, è stato sentito sfogarsi così nel cortile della Camera: "Nel M5S vincono le cordate non la meritocrazia. Qui non mi sento più a casa". Leggi anche: Taglio dei parlamentari, ribaltone: perché conviene solo a Salvini La ribellione - spiega La Stampa - salda malumori di diverso tipo, non tutti coordinati. Tra di loro però c'è un gruppo di almeno 15 deputati che da qui alle prossime settimane si tiene pronto alla scissione. I riottosi hanno già in mano un programma asciutto di pochi punti, tra cui la legge proporzionale e una reale democrazia interna. Questi sarebbero così disposti a dar vita a un gruppo autonomo, cercando di diventare a loro volta attrattivi nell'area dei progressisti per spegnere le sirene renziane e puntellare il governo. Insomma, una vera apertura a Giuseppe Conte che da tempo medita di prendere il posto dell'attuale capo politico M5s. 

Dai blog