Cerca

tutto chiaro

Porta a Porta, Matteo Renzi ammette: "Avevamo due alternative, abbiamo scelto un'operazione di palazzo"

15 Ottobre 2019

0
Porta a Porta, Matteo Renzi ammette: "Avevamo due alternative, abbiamo scelto un'operazione di palazzo"

Matteo Renzi, ospite a Porta a Porta, ammette faccia a faccia con Matteo Salvini che il nuovo governo è frutto di una manovra di palazzo: "Avevamo due alternative: accettare il diktat del Papeete o fare un'operazione di palazzo, sì. Un'operazione machiavellica. Ma se fossimo andati a votare adesso, ci sarebbe lo spread ai massimi livelli e il paese avrebbe pagato il conto". 

Poi la classica frase impugnata dalla sinistra: "Il colpo di sole del Papeete che ha preso Salvini lo fa rosicare ancora adesso. Mai era accaduto che ci fosse una crisi con la richiesta di votare in autunno e con una dinamica istituzionale tanto surreale. Come si vota lo decide un manuale che si chiama la Costituzione". "Noi abbiamo votato la mozione della Tav - prosegue l'ex segretario Pd, fresco di scissione subito dopo la fiducia al Conte bis - perché non abbiamo il paraocchi e non importa che la voglia anche Salvini". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Attacchi in Iraq, Federica Mogherini: "Vicini alle autorità italiane"

Barbara Lezzi contro Senaldi e Sallusti: "Insulti, mi danno della sbattitappeti, non si fa". Crisi di nervi
Memorial "Ciao Pà", Paolo Bonolis e il derby del cuore a sostegno del progetto "Adotta un Angelo"
Giorgia Meloni sale sul palco accolta dal remix del suo discorso: "Entro Natale il mio primo disco"

media