Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Luca Zaia a testa in giù, la vergogna dell'anarchico: la Lega lo denuncia

Esplora:

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

Luca Zaia ritratto a testa in giù. È l'ennesima atroce raffigurazione da parte di qualche anarchico che giunge a un esponente della Lega. A prendere di mira il governatore della regione Veneto un 18enne che sul suo profilo Instagram non ha solo postato la foto di Zaia ribaltata, ma anche la frase "Se vedo un punto nero ci sparo a vista". Non solo, oltre al richiamo a Piazzale Loreto spicca anche la citazione di una canzone partigiana che suona: "Leghista, attento, soffia ancora il vento".  Leggi anche: David Parenzo insulta in diretta il sindaco di Predappio: "Un personaggio grottesco" A fare compagnia (per modo di dire) al governatore altri quattro consiglieri del Carroccio di Conegliano, in provincia di Treviso. Anche loro insultati sul profilo anonimo del ragazzo originario della provincia di Napoli, che sulla piattaforma si presenta come "terrone e antifascista". E ancora: "MC Splinter nasce a Quarto Flegrea (Napoli) il 01/02/2001. Si avvicina al freestyle a Conegliano (Treviso) per raccontare la sua città". Proprio a lui è ora indirizzata una grossa querela. 

Dai blog