Cerca

Qui viene giù tutto

Alfredo Bazoli del Pd: "È andata male". La soffiata dopo il vertice: verso la crisi di governo

21 Novembre 2019

2
Stop prescrizione, Alfonso Bonafede tira dritto. Bazoli (Pd): "Non è esclusa la crisi di governo"

Sulla riforma della giustizia, e precisamente sullo stop alla prescrizione dopo il 1° grado di giudizio, che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2020, la maggioranza 5stelle-Pd non ha trovato un accordo. Lo fa intende, attraverso un'intervista a Il Fatto Quotidiano, Alfredo Bazoli, capogruppo Pd in Commissione giustizia. "Senza intervenire sui tempi dei processi, per noi lo stop alla prescrizione è inaccettabile", afferma Bazoli, il quale rende nota la linea del suo partito, ovvero prorogare l'entrata in vigore dello stop alla prescrizione e concentrarsi sulla riforma del processo penale.

Per approfondire leggi anche: Enrico Costa, la proposta al Pd su prescrizione e processi. Mina Forza Italia, salta in aria il governo?

E poi l'attacco al ministro della giustizia grillino Alfonso Bonafede, accusato di tirare dritto sulla prescrizione senza ascoltare le proposte degli alleati di governo: "Vogliamo capire - aggiunge Bazoli- se Bonafede è d'accordo con il nostro principio che se il processo dura troppo tempo, dovrebbe scattare proporzionalmente una riduzione della pena". Sulla giustizia, il Pd vuole "trasformare l'assoluzione per prescrizione in una condanna con uno sconto commisurato all'eccessiva durata". Sempre più distante il Movimento 5 stelle, mentre si fa strada l'ipotesi che il Pd possa votare il ddl Costa, l'esponente di Forza Italia che ha depositato in commissione una legge sulla cancellazione totale della riforma sulla prescrizione. Un altro elemento di frizione tra le due compagini al governo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Vittori0

    21 Novembre 2019 - 22:14

    ..solo il Centro-Destra ha il "BREVETTO" di far CADERE UN PROPRIO GOVERNO...gli altri non hanno questa "PECULIARITA' ....!!!

    Report

    Rispondi

  • Marcer

    21 Novembre 2019 - 22:11

    Nessun problema, troveranno qualche altro pezzo d'Italia economica da mercanteggiare e tutto torna a posto. Questi non stanno al governo per gli Italiani, stanno lì perché gli piacciono le poltrone. E per rimanerci si sono venduti la Patria. Traditori della peggior specie. Anche Bruto si stupirebbe.

    Report

    Rispondi

Matteo Salvini da Bechis: "Conte in gita a Londra mentre l'Ilva affonda"

Plastic e sugar tax, Vittorio Cino (presidente Assobibe): "Per noi sono una rovina, il governo ci ripensi"
Governo, Nicola Zingaretti: "Ora basta polemiche, scommettiamo di più sulla manovra"
Regionali, Matteo Salvini: "In settimana incontro con Silvio Berlusconi, dobbiamo farci trovare preparati"

media