Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mes, Claudio Borghi attacca Giuseppe Conte: "Traditore, cosa non capiva? L'ho vista su quei divanetti..."

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Da sempre in prima, anzi primissima linea contro il Mes. Si parla di Claudio Borghi, il leghista scatenato contro il fondo salva-Stati, uno dei pochi che si è palesato in una Camera semi-deserta nel giorno in cui Giuseppe Conte ha chiesto il voto favorevole sulla legge capestro. E, ovviamente, anche in questo contesto Borghi è passato all'attacco, durissimo, contro il presidente del Consiglio e del governo. Senza alcun giro di parole, spostando l'attenzione sulle responsabilità del premier e su quelle che bolla come "bugie" raccontate agli italiani: "Dicendo di averci informato - ha tuonato Borghi dal suo scranno -, lei ha umiliato e offeso anche Di Maio, che le sedeva accanto imbarazzato". Leggi anche: "Bugiardo seriale": Borghi, il documento con cui inchioda Conte E ancora: "Ma chi credeva di prendere in giro? Noi abbiamo seguito la trattativa e il mandato che ebbe era uno - sottolinea il big del Carroccio -: l'italia non avrebbe mai firmato quel Trattato. Glielo dissero Salvini e Di Maio". Quello di Borghi è un crescendo rossiniano: "Cosa non capiva? Ma che bello sarebbe stato se Di Maio si fosse alzato e le avesse detto piantala, bugiardo. Infatti oggi non c'è in aula". Poi l'affondo più pesante: "Cosa posso pensare se sento che il trattato è chiuso? Che lei è un traditore signor presidente, un traditore. Quando l'abbiamo vista raggiante sui divanetti, con Merkel, Macron e Rocco Casalino se li ricordava gli impegni che aveva preso?", chiede Borghi rivolto al premier. Si arriva così alla conclusione, tra gli applausi crescenti che si levano dai banchi dei leghisti: "Da Cavour e De Gasperi, ora mandiamo in Europa Conte e Rocco Casalino". 

Dai blog