Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Guido Crosetto, l'inatteso elogio di Matteo Renzi: "Chi ama l'Italia, ascolti le sue parole"

  • a
  • a
  • a

L'intervento di Matteo Renzi in Senato è stato accolto positivamente anche da Guido Crosetto, deputato di Fratelli d'Italia fino a marzo, quando ha rassegnato le dimissioni da parlamentare. In particolare Crosetto, di cui è riconosciuta l'indipendenza di pensiero e di giudizio, ha invitato su Twitter "le persone serie che amano questa nazione" ad ascoltare il discorso di Renzi, "slegando le parole dalla persona che le pronuncia". Come conferma Crosetto nel suo tweet, Renzi ha parlato di democrazia liberale, istituzioni e giustizia; precisamente del rapporto tra i poteri dello Stato. Ho appena ascoltato il discorso di Renzi al Senato. Invito tutte le persone serie, che amano questa nazione, di qualunque parte politica o movimentista siano, ad ascoltarlo. Slegando le parole dalla persona che le pronuncia: parla di Democrazia, di Istituzioni, di Giustizia.— Guido Crosetto (@GuidoCrosetto) December 12, 2019 Leggi anche: Open, Matteo Renzi: "Barbarie dei pm". Poi la frecciata di Giuseppe Conte Matteo Renzi utilizza la vicenda della fondazione Open per discutere di equilibrio tra giustizia e politica, avvalendosi di citazioni di riconosciuti statisti della storia politica italiana, come Aldo Moro e Bettino Craxi. "Non ci faremo processore nelle piazze", esclama riprendendo Moro e poi cita degli spezzoni di quel celebre discorso del 1992 di Craxi. In generale, l'intervento del leader di Italia Viva mira a mettere in guardia la politica dalle intromissioni del potere giudiziario e del giornalismo: "Onorevoli colleghi, per distruggere la reputazione di un esponente delle istituzioni può bastare una copertina di qualche settimanale" e poi conclude: "Chi volesse [...] eliminarci per via giudiziaria, sappia che dalla nostra parte abbiamo il coraggio e la voglia di dire che il diritto e la giustizia sono cosa diversa dal peloso giustizialismo e dalla connessione con certi strumenti di comunicazione e di stampa".

Dai blog