Cerca

Le parole chiave

Lucia Borgonzoni ribalta l'Emilia Romagna del Pd: "Basta tessera di partito, tasse, rom e moschee ovunque"

24 Gennaio 2020

1
Lucia Borgonzoni ribalta l'Emilia Romagna del Pd: "Basta tessera di partito, tasse, rom e moschee ovunque"

Foto di gruppo a Ravenna: la leghista Lucia Borgonzoni, candidata governatrice dell'Emilia Romagna, sfida il governatore uscente del Pd Stefano Bonaccini nell'ultimo comizio prima del voto di domenica spalleggiata da tutto il centrodestra, con Matteo Salvini, Giorgia Meloni di FdI e Silvio Berlusconi di Forza Italia insieme sul palco. C'è anche Vittorio Sgarbi, capolista forzista che il Cav ha già incoronato "prossimo assessore ai Beni culturali", facendogli guadagnare un'ovazione dalla piazza.  



Salvini ha lanciato la parola chiave: sicurezza, promettendo un assessorato ad hoc agli elettori. E la Borgonzoni ha suonato lo stesso spartito, promettendo una piccola rivoluzione. "Noi vinceremo perché siamo quelli di questa piazza e non quelli delle piazze contro - scandisce la candidata governatrice -. Perché abbiamo delle proposte. Questa volta noi liberiamo la nostra terra, perché in questa terra molte cose non vanno". "Noi le tasse le taglieremo, abbasseremo l'Irpef", ha garantito, per poi passare appunto al piano sicurezza: "Se vinciamo faremo sì che non aprano le moschee ovunque. Se vieni qua ti deve andare bene che io faccio l'albero di Natale e il Presepe, ti devono andare bene le mie regole. "La legge che è stata fatta sui campi nomadi la toglieremo. Basta con i milioni di euro spesi per le microaree dei rom, per persone che non hanno neanche rispetto per noi". Poi va dritta al punto: "Se non hai la tessera di partito, in Emilia-Romagna, non vinci i concorsi, con noi tutto questo cambierà". È su questa voglia di cancellare lo status quo che punta la Lega per fare la storia.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • asimon

    25 Gennaio 2020 - 07:57

    Bibbiano, tassa plastica e zucchero, anziani con malattie degenerative abbandonati e se stessi quando invece i servizi sociali si preoccupano tanto dei rom e dei clandestini, tempi per visite specialistiche eterni, costi enormi degli asili pubblici e comunque largamente insufficienti, arroganza degli amministratori locali PD che si comportano come i dittatori comunisti, case popolari assegnate in

    Report

    Rispondi

Giuseppe Conte contro i cronisti: "Non chiamatelo 'questo Renzi', è pur sempre un leader della maggioranza"

Matteo Salvini contro le sardine: "Flop a Napoli? Che peccato, ma se fai le vacanze con Oliviero Toscani..."
Giorgia Meloni vede il grande bluff di Matteo Renzi: "Gli interessano le nomine, non i problemi dei cittadini"
Siria, cadono le bombe: papà inventa un gioco per non far spaventare la figlia

media