Cerca

Serio?

Emilia Romagna, Simone Benini rinnega la storia del M5s: "Sconfitti perché i giornali non parlavano di noi"

27 Gennaio 2020

1
Emilia Romagna, Simone Benini rinnega M5s: dai giornali inutili all'alibi della visibilità mediatica

Dagli studi La7, durante la consueta maratona elettorale, il direttore Enrico Mentana si è collegato con il quartier generale del Movimento 5 stelle per intervistare il candidato governatore, Simone Benini. A spoglio non ancora ultimato, Mentana ha chiesto un'analisi del voto allo sconfitto Benini, chiedendogli se fosse soddisfatto. Contrariamente ad ogni logica, il candidato governatore M5s si è detto soddisfatto, nonostante il 3.5% nel voto disgiunto e i due miseri seggi ottenuti dal M5s in Consiglio comunale. Non è tutto qui: Benini ha cercato l'alibi più semplice, ma in controtendenza con la storia del suo partito.

Leggi anche: Emilia Romagna, Max Bugani contro Grillo: "Scelta priva di senso, neghiamo l'evidenza?"

Puntando il dito contro il sistema mediatico, accusato di aver oscurato il Movimento 5 stelle, Benini rinnega le ragioni storiche del suo partito. Infatti, il M5s nacque con la critica anti-sistema, in particolar modo contro i media tradizionali, ritenuti il megafono del sistema dominante e invitava i suoi elettori a non comprare i giornali. Oggi, a dieci anni dalla fondazione del Movimento di Beppe Grillo e Casaleggio, Benini collega la clamorosa sconfitta all'inesistente visibilità mediatica del M5s: "Ci hanno dato poca copertura". Alibi poco convincente. Più realistico pensare che il sistema dei media non abbia dedicato grande visibilità al Movimento per l'annunciata emorragia di consensi. E non viceversa.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Andi50

    27 Gennaio 2020 - 18:06

    Quandi si perde bisognerebbe avere la dignità del silenzio.

    Report

    Rispondi

"Paghi per le sciocchezze, devo mostrare gli sms?". Conte, clava-virus su Salvini

Coronavirus, la meloniana Baldini in aula con la mascherina: "Sono medico, vengo da Milano. Perché l'ho fatto"
Coronavirus, la denuncia del leghista: "Deputati bloccati al Nord e la Camera non controlla gli ingressi"
Coronavirus, controlli a Casalpusterlengo: ritardi nei treni a Milano

media