Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Federica Mogherini punta al Consiglio d'Europa, la protesta e la rivolta dei professori

Carlo Nicolato
  • a
  • a
  • a

Neanche in tema di clientelismo l' Europa può darci lezioni. Gli amici e i parenti a Bruxelles in un modo o nell' altro hanno sempre un posto aggiudicato. Il Collegio d' Europa di Bruges teoricamente con quelle istituzioni che distano nemmeno 100 km non ha nulla a che fare, "istituto indipendente" si legge nel suo statuto, ma la longa manus del favoritismo arriva anche lì, e non potrebbe essere altrimenti visto che in quella scuola si forgiano le menti più sopraffine destinate a dirigere le istituzioni stesse. Eppure, stavolta i professori e gli ex studenti del Collegio non riescono proprio a digerire la miracolosa candidatura alla guida dell' istituto stesso di Federica Mogherini, l' ex "lady Pesc" come veniva chiamata una volta quando rivestiva il ruolo di Alto rappresentante per la politica estera e la sicurezza comune, cioè quando era ministro degli Esteri europeo.

 

 

 

Le ragioni non hanno solo a che fare con il clientelismo ma anche con le capacità stesse della Mogherini. Cioè, si chiedono, grazie a quali meriti l' ex lady Pesc dovrebbe prendersi quella prestigiosa poltrona da 14 mila euro al mese se non quello appunto di essere l' ex Lady Pesc? Il clientelismo però non si fa da solo, di solito si avvale di un mandante, che in questo caso risponde al nome di Herman Van Rompuy, ex presidente del Consiglio europeo, il quale attualmente guida il consiglio d' amministrazione del Collegio. Van Rompuy viene accusato di aver scartato altri candidati qualificati in favore della Mogherini e di averla fatta entrare in gara dopo la scadenza del 30 settembre. Sembra che per il prestigioso posto si fossero presentati una trentina di professori. Van Rompuy risponde che tutto verrà deciso a giugno dal consiglio d' amministrazione e che quindi la Mogherini non è stata ancora nominata. Ma le proteste arrivano anche dall' Europarlamento, da 15 deputati Verdi che hanno scritto una lettera alla Von der Leyen per chiedere spiegazioni. Laureata in Scienze Politiche la Mogherini, oltre alle esperienze parlamentari e istituzionali vanta una misera posizione di "professore ospite" in Relazioni internazionali e diplomazia nello stesso Collegio. Intervistato da Politico l' ex studente della scuola di Bruges ed ex membro dell' Europarlamento Michiel van Hulten ha detto che sarebbe un po' «come nominare capitano di un aereo passeggeri qualcuno che non ha mai imparato a pilotare».

Dai blog