Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Luca Zaia contro Andrea Crisanti: "Adesso basta andare in televisione"

  • a
  • a
  • a

Non fa sconti, Luca Zaia, il governatore del Veneto che si racconta in un'intervista al Fatto Quotidiano. Fa il punto sull'emergenza coronavirus in regione, scaccia ancora le voci circa le mire a livello nazionale e, ancora una volta, si mostra un passo avanti a tutti e parla della riapertura delle discoteche: "Conto di farlo il 15 giugno". È sicuro? "Ho aperto le spiagge il 18 e ho avuto ragione. Se gli indicatori sono buoni, a giugno apro cinema, teatri, tutto il circuito spettacoli". Poi, si parla della polemica con Andrea Crisanti, professore e virologo con cui il rapporto si è incrinato per una polemica sul piano di tracciamento dei contagi in regione. E contro il direttore del laboratorio di Microbiologia dell'aziende ospedaliere di Padova, Zaia non risparmia parole pesanti: "Lui è uno scienziato di altissimo livello, gli abbiamo affidato il più grande laboratorio italiano di microbiologia. Si occupa della fase di analisi". E ancora: "Ognuno deve fare il suo mestiere". Dunque, quando ricordano come Zaia sia uno che in tv ci va poco, ecco che il Doge piazza il carico da novanta: "Non me ne frega nulla, solo interviste di qualità. Crisanti dovrebbe selezionare di più, per me", conclude.

 

 

Dai blog