Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giuseppe Conte, avviso di sfratto da Bruxelles. Gentiloni: "Preoccupato per quello che potrà accadere in autunno"

  • a
  • a
  • a

Una spallata a Giuseppe Conte anche dall'uomo che ha mandato in Europa a rappresentare l'Italia. Per Paolo Gentiloni c'è il rischio che in autunno, in Italia, si manifestino "le conseguenze sociali" della crisi, soprattutto sul fronte dell'occupazione. È anche per questo che il commissario Ue all'Economia spera in un accordo rapido sul Recovery Fund. "L'Italia è stata il Paese europeo con il periodo di chiusura più prolungato. E siccome abbiamo visto l'impatto devastante che i lockdown hanno sulle economie, questo ha certamente un effetto", spiega in un'intervista alla Stampa.

 

 

Secondo l'ex premier, esponente di spicco del Pd, "il peggio è passato dal punto di vista della pandemia e delle cifre del Pil che hanno registrato un crollo significativo nei primi due trimestri. Però sì, condivido le preoccupazioni per quello che potrebbe succedere in autunno. Non solo in Italia, ma anche in altri Paesi. Sotto due aspetti: rischio di insolvenza per le imprese e conseguenze sociali". Per quanto riguarda i fondi "va completato il deposito delle garanzie, dopodiché potremo andare sui mercati. Credo che sarà operativo dal prossimo autunno. Ma Sure non sarà eterno, per questo ci serve il Recovery Fund". Per Gentiloni "la ripresa sarà spinta dalla fiducia e frenata dalle incertezze. L'incertezza è legata alla situazione epidemiologica, anche a livello globale. Io credo che l'approvazione del Recovery darà un grande contributo alla fiducia e questo potrebbe aiutare la ripresa in Paesi come l'Italia e la Spagna". Conte avvisato, ma forse non basterà a salvarlo.

Dai blog