Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Salvini sulle Regionali: "Alcuni candidati sbagliati", nel mirino Caldoro e Fitto

  • a
  • a
  • a

La sconfitta del centrodestra alle regionali in Campania, Puglia e Toscana non sconforta il leader della Lega Matteo Salvini che, in un'intervista a La Stampa, insiste su quello che sarebbe il tallone d'Achille della sua coalizione al Sud: i candidati. "E' stata l’offerta del centrodestra in generale a non essere all’altezza. Noi, certo, dovremo ragionarci. Non abbiamo intercettato la richiesta di cambiamento che veniva dai cittadini", ha spiegato Salvini, riferendosi con discreta evidenza alla scelta di Raffaele Fitto e Stefano Caldoro. Ma allo stesso tempo sottolinea un'importante crescita in Puglia e Campania, dove si è arrivati a ottenere sei consiglieri anche se si partiva da zero. L'ottimismo del segretario del Carroccio rimane comunque intatto. Tant'è che non si dice abbattuto per i risultati, anzi: "Ho due nuovi numeri da giocare al Lotto. Sono il 46 e il 74: 46 erano i consiglieri regionali che la Lega aveva fino al 19 settembre. 74 sono quelli di oggi".

 

 

 

Secondo Salvini, inoltre, non bisogna dimenticare il buon risultato che il suo partito, assieme a Forza Italia e Fratelli d'Italia, è riuscito a realizzare alle Amministrative, con diversi comuni strappati al centrosinistra. Parlando della Toscana, dove Susanna Ceccardi, espressione della Lega, è stata battuta dal candidato del centrosinistra Eugenio Giani, il segretario rilancia: "Si parla di una Regione in cui la sinistra governa dal dopoguerra: 5 anni fa il nostro candidato aveva preso il 20%, oggi abbiamo raddoppiato e siamo al 40".

Salvini zittisce, poi, le voci secondo le quali ci sarebbero tensioni all'interno della coalizione di centrodestra, sia con Giorgia Meloni che, in "casa", con Luca Zaia. L'ex ministro dell'Interno, infatti, sostiene che la crescita di Fratelli d'Italia sia solo un fatto positivo, in grado di rendere più solida l'alleanza. Mentre sul presidente del Veneto taglia corto: "Non c’è mai stato né mai ci sarà il benché minimo problema con lui e il suo risultato mi riempie di orgoglio". Nessun attrito dunque.
 

Dai blog