Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Massimo Giletti-Carlo Calenda, subito rissa: "Tiro giù tutto con la ruspa", "Idiozie che neannche in Bielorussia"

  • a
  • a
  • a

Scontro a distanza tra Carlo Calenda e Massimo Giletti, i due possibili avversari di Virginia Raggi nella corsa al Campidoglio. Il primo è ormai sicuro di candidarsi a sindaco e pare che lo annuncerà ufficialmente domenica sera da Fabio Fazio a Che tempo che fa; il secondo invece ci sta ancora pensando ma non ha mai smentito la voglia di fare il grande passo e di lanciarsi dalla televisione alla politica. “Non parlo da candidato ma provo angoscia a vedere Roma ridotta così - ha dichiarato Giletti - quando deciderò, lo dirò. Ma ho bisogno di pensarci duemila volte”. Poi il conduttore di Non è l’Arena ha fatto un chiaro riferimento a Matteo Salvini e alla Lega: “Quando mi dicono ‘fai il sindaco di Roma’… ma io nemmeno di Ladispoli perché dovrei andare lì con una ruspa e tirare giù tutto. Avete visto in che stato è ridotta Roma? Erba da tutte le parti, ci vuole poco a fare meglio”. La replica di Calenda non si è fatta attendere: “Caro Giletti sbagli due volte, governare Roma è un’impresa difficilissima e per farlo serve la testa, altro che la ruspa. Queste idiozie che non vogliono dire nulla vanno bene per l’intermezzo di uno show televisivo non per candidarsi a governare la Capitale d’Italia”. Infine è arrivata la puntura al possibile avversario: “Giletti sta giocando con la candidatura a sindaco e usando il suo ruolo di giornalista per promuoverla prima di annunciarla. Una roba che neanche in Bielorussia verrebbe tollerata”. 

 

 

Dai blog