Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nicola Morra, Laura Boldrini si ricorda di Jole Santelli a scoppio ritardato. Imbarazzante silenzio a sinistra

  • a
  • a
  • a

Le parole del grillino Nicola Morra contro l'ex presidente della Calabria Jole Santelli hanno indignato molti. Anche le donne di sinistra, alcune delle quali sono intervenute in segno di solidarietà e per prendere le difese della governatrice scomparsa un mese fa, anche se con un leggero ritardo. Il pensiero del pentastellato, secondo cui i calabresi erano consapevoli della scelta che facevano votando una malata oncologica, hanno provocato la reazione quasi immediata solo di Alessia Morani del Pd, che ha subito twittato: "Le parole di Morra sono agghiaccianti. Agghiaccianti". Altre, invece, come Laura Boldrini, Teresa Bellanova o Elena Bonetti sono intervenute solo dopo un po'. La ministra delle Politiche agricole ha mostrato la sua indignazione su Facebook: "Le parole del senatore Morra non sono terribili solo dal punto di vista umano. Certificano un degrado e la mancanza di rispetto per chi non c’è più e non può replicare e per il corpo elettorale che sceglie da chi essere rappresentato". Come notato dal Giornale, c'è stato invece un forte silenzio da parte di altre donne, da sempre in prima linea per il rispetto del genere femminile e della dignità umana. Basti pensare a Maria Elena Boschi o a Emma Bonino.

 

 

 

Paradossalmente, a difesa di Jole Santelli sono arrivati più messaggi da parte della quota maschile del centrosinistra. Mentre nel Movimento 5 Stelle, il partito di Morra, si sono schierate fortemente contro l'opinione del grillino Federica Dieni e Dalila Nesci, che hanno rilasciato delle dichiarazioni alla stampa. La prima ha detto: "Ho riascoltato le parole del senatore, parole molto gravi, da cui è doveroso prendere le distanze"; la seconda invece: "E' necessario che Morra provveda subito a rettificare quelle parole, che suonano come un insulto ad un intero popolo".

 

Dai blog