Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Silvio Berlusconi, lo sfogo coi fedelissimi: "La federazione proposta da Matteo Salvini? Roba da comunisti"

  • a
  • a
  • a

Silvio Berlusconi va avanti per la sua strada e prende tempo. Si dice contrario alla federazione del centrodestra proposta da Matteo Salvini. "Mi ricorda la Russia quando gli zaristi si federarono con i comunisti. Bettino Craxi, per spiegare la dinamica tra Psi e Pci, ricordò proprio questo: Fu uno stratagemma per impedire ai socialisti di dissentire dalle decisioni dei comunisti". Berlusconi propone anche le condizioni perché Forza Italia voti lo scostamento di bilancio, "con l'intera opposizione, senza confusione di ruoli con la maggioranza", chiarisce.

 

 

 

 

Ma Berlusconi è comunque freddo all'ipotesi di federezione: l'idea non lo convince. La sua diffidenza nasce anche dai comportamenti di Salvini in questi ultimi giorni:  il no all'emendamento pro-Mediaset, il passaggio dei tre forzisti al Carroccio e gli apprezzamenti all'arresto in Calabria del presidente del consiglio regionale Tallini (Fi). Berlusconi infatti ha in mente di rilanciare Forza Italia e non vuole legarsi al gruppo unico delle opposizioni. "Per rilanciare il partito ci serve agibilità nel centrodestra, dobbiamo differenziarci fortemente da Lega e FdI, recuperare il nostro elettorato tra autonomi, professionisti, partite Iva", spiega il leader forzista che non ha intenzione di accettare cambiamenti e vuole rimanere autonomo, "distinti, non distanti", ripetono altri esponenti azzurri, per sottolineare lo stato dei rapporti tra Lega e Fi.

Dai blog