Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Conte, la Boschi e Renzi, il primo incontro insieme al ristorante. "Fammi vedere gli sms che ti ha mandato Giuseppe"

  • a
  • a
  • a

Non c’è alcun dubbio che tra Matteo Renzi e Giuseppe Conte non scorra buon sangue, nonostante le ripetute smentite del leader di Italia Viva. Per capire meglio come nasce questo rapporto complicato tra i due bisogna andare indietro nel tempo, al loro primo incontro nel 2013. Il premier e il senatore di Rignano – come riporta il Fatto Quotidiano – si sono conosciuti durante un pranzo al Sanlorenzo, un ristorante di lusso in via dei Chiavari a Roma. Con loro anche Maria Elena Boschi e il professore di Diritto Guido Alpa. Fu la Boschi, che conosceva sia Conte sia – ovviamente – Renzi, a fare le presentazioni: “Buongiorno Matteo, ti presento il professor Giuseppe Conte”. In quel momento Renzi era sindaco di Firenze, ma stava anche per candidarsi alle primarie del Pd. Tutti volevano conoscerlo, soprattutto il professor Alpa, desideroso di spiegare all’astro nascente del Pd le sue soluzioni per la giustizia. A maggio 2014, tra l’altro,  Alpa sarà nominato consigliere di Leonardo-Finmeccanica.

 

 

 

Conte e Renzi, comunque, non si sono più visti fino a quando l’avvocato amico della Boschi è diventato il premier del governo Lega-M5s. Al leader di Iv, come spiega il Fatto, non fece piacere vedere quel professore a Palazzo Chigi, al suo posto. Tra l’altro il presidente del consiglio ha sempre avuto un effetto divisivo tra Renzi e la Boschi. Dentro Italia Viva, infatti, si racconta che Renzi avrebbe chiesto più volte alla sua ex ministra gli sms scambiati con Conte quando era solo un professore di Diritto. L’ex premier sperava forse di trovare in quei messaggi una traccia di sostegno per le sue riforme o di solidarietà per le polemiche su Banca Etruria. In modo da screditare Conte agli occhi dei grillini. Renzi, quindi, tentò in tutti i modi di convincere Maria Elena Boschi a fargli vedere il cellulare, facendo leva anche sul comune amico Francesco Bonifazi. Ma non ci fu nulla da fare. Il rapporto di stima cordiale tra la Boschi e Conte, inoltre, sembra non essersi interrotto, tant’è che in questi anni Renzi spesso ha detto: “Con Conte ci parla Maria Elena”.

Dai blog