Cerca

DA REGIONE LAZIO E FONDAZIONE PFIZER

‘SANO CHI SA’: al via il progetto
per salute e benessere dei giovani

21 Ottobre 2015

0

L’iniziativa, rivolta agli studenti delle terze classi della scuola primaria ed a tutte le classi della scuola secondaria di primo grado, nel corso dell’anno scolastico 2015/2016, si articola in tre macro aree: la promozione di un corretto stile alimentare, la promozione dell’attività fisica e l’acquisizione di una nuova consapevolezza rispetto all’influenza che i mass media possono avere sui ragazzi. Nello specifico, il progetto coinvolge 24 Istituti comprensivi distribuiti su tutto il territorio della Regione Lazio. Tre giovani atleti laziali parteciperanno ad incontri organizzati in ogni Istituto scolastico per veicolare in modo efficace messaggi per la promozione di corretti stili di vita. Gli atleti sono:

· Sonia Malavisi, campionessa italiana in carica nel salto con l’asta all’aperto, detentrice del record italiano juniores;

· Simona Quadarella, medaglia d'oro ai II Giochi Olimpici giovanili negli 800 stile libero nuoto;

· Daniele Sablone, gioca nella Marino Pallavolo con il ruolo di schiacciatore.

Negli istituti selezionati è, inoltre, distribuito il materiale necessario alla realizzazione del progetto: una guida per i docenti ed una guida per gli studenti. Tutti i materiali realizzati nell’ambito del progetto, sono disponibili sulla piattaforma web, www.sanochisa.it, una risorsa per studenti, docenti e famiglie, composta da un’area informativa generale con i contenuti base e gli obiettivi del progetto ed aree specifiche per gli studenti 8-9 anni, per studenti 11-14 anni, per docenti e per genitori. Sulla piattaforma sono inoltre disponibili tre video sui temi del progetto.

Il format del progetto “Sano chi sa” negli Istituti scolastici consiste in:

a.  Formazione ai docenti

    È prevista per i docenti una giornata di formazione tenuta da operatori esperti delle ASL sulle tematiche del progetto.

b.  Incontri con gli alunni

    In ogni Istituto è svolto dai rispettivi docenti ed esperti operatori ASL un incontro in plenaria con gli studenti, che vede anche la partecipazione di uno dei testimonial sportivi.

c.  Attività in aula con gli studenti

    I docenti dedicano in aula circa 10 ore didattiche per la realizzazione dell’intervento in classe rispetto ai contenuti portanti del progetto, articolando l’intervento in momenti di lavoro individuale e di gruppo.

Al termine dell’intervento, a tutti gli studenti delle classi aderenti sarà somministrato un questionario di verifica sull’apprendimento dei corretti stili di vita.

Infine, gli studenti dei 24 Istituti avranno la possibilità di partecipare ad un concorso presentando un concept (idee e lavori creativi) relativo ai temi delle attività realizzate, che potrà essere utilizzato per una campagna di sensibilizzazione rivolta a tutte le scuole del Lazio nei prossimi anni scolastici. (LARA LUCIANO)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Vito Crimi, il tragico leader M5s: la gaffe, non conosce neppure quali sono le "Cinque Stelle"

"Indegno, inaccettabile, oscurantista". La violenza di Giuseppe Conte, colata d'insulti a Salvini / Video
Emilia Romagna, Stefano Bonaccini s'infuria con la sicurezza: "Basta, fate solo casino. Sto parlando in tv"
Emilia Romagna, papà Borgonzoni al comitato di Stefano Bonaccini: "Non mi dispiace per mia figlia Lucia"

media