Cerca

MALATTIE RARE

Al via le nuove candidature
della 6 edizione premio Omar

In occasione della nuova edizione, di questo riconoscimento dedicato alla comunicazione sulle malattie e i tumori rari inaugurate collaborazioni con Whin e il festival ‘Uno sguardo raro’

7 Agosto 2018

0
Al via le nuove candidaturedella 6 edizione premio Omar

Via alla presentazione delle candidature al premio 'Osservatorio malattie rare' (Omar), concorso annuale che premia la comunicazione sui temi delle malattie e tumori rari. L’iniziativa ha incontrato l’appoggio dei più importanti stakeholder delle malattie rare fin dalla prima edizione: Uniamo - Federazione italiana malattie rare (Fimr) onlus, il Centro nazionale malattie rare dell’Istituto superiore di sanità, Orphanet, fondazione Telethon, che anche quest’anno confermano il loro ruolo di co-organizzatori. Tra le novità del premio, ormai giunto alla VI edizione, la collaborazione con nuove associazioni professionali e di categoria. Infatti, a partire da quest’anno, il festival cinematografico ‘Uno sguardo raro’ contribuirà ad assegnare il premio per la migliore divulgazione attraverso video. Tra le novità anche il patrocinio di Web health information network (Whin), importante rete di giornalisti scientifici, che sarà al fianco di questa edizione. Per questa nuova edizione sono confermati diversi sponsor che seguono e sostengono il premio da anni, come Alnylam, Amicus Therapeutics, Biogen, Kyowa Kirin, Roche, Ptc Therapeutics, Sanofi Genzyme, Shire, Sobi, Vertex, e nuovi sponsor come Apr - Applied pharma research e Sarepta Therapeutics. “Siamo orgogliosi del fatto che, di anno in anno, il premio cresca in patrocini e collaborazioni di così alto livello, ottenendo nuovi consensi da parte di professionisti, istituzioni e associazioni di pazienti – dichiara il direttore di Omar, Ilaria Ciancaleoni Bartoli – Dopo aver esteso il concorso a tutti i linguaggi della comunicazione e non solo al giornalismo, quest’anno abbiamo aperto a nuove collaborazioni con partner di rilievo. Crediamo molto nel fare squadra perché solo insieme, attraverso nuovi amici e alleati, si possono fare cose più grandi e più incisive per i malati rari e per la crescita della consapevolezza in questo ambito. ”Dallo scorso anno, infatti, il premio non è più riservato solo ai giornalisti, ma è un concorso aperto al più ampio mondo della comunicazione che include gli autori di campagne social, pubblicitari, autori di fotografie, fumetti e film maker. La proclamazione dei vincitori e l’assegnazione dei premi avverranno in prossimità della Giornata delle malattie rare, che si celebra il 28 febbraio 2019, all’interno di un evento serale che si terrà a Roma e che vedrà presenti i partner del premio, i membri della giuria, importanti rappresentati delle istituzioni, le associazioni pazienti, la stampa e numerosi stakeholder del mondo delle malattie e dei tumori rari.

Come partecipare. I premi in palio in questa VI edizione, per un montepremi di circa 20 mila euro, sono i seguenti: premio giornalistico categoria stampa e web; premio giornalistico categoria audio video; premio per la migliore campagna di comunicazione; premio per la migliore divulgazione attraverso foto, illustrazioni o fumetti; premio per la migliore divulgazione attraverso video. Oltre a questi la giuria si riserva il diritto di attribuire un proprio premio aggiuntivo. Il termine stabilito per l’iscrizione alla VI edizione del premio Omar per la comunicazione sulle malattie e i tumori rari e l'invio dei materiali è fissato alla mezzanotte del 10 gennaio 2019. Sul sito www.premiomalattierare.it è possibile leggere il regolamento e scaricare i moduli per iscriversi al concorso. Sono ammessi a partecipare a questa edizione tutti i lavori pubblicati, diffusi o aperti al pubblico nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2018 e il 31 dicembre 2018; i lavori candidati alle categorie ‘Premio giornalistico stampa e web' e 'Premio giornalistico audio/video' dovranno essere stati pubblicati su una testata regolarmente registrata presso il tribunale per la stampa. (MATILDE SCUDERI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media