Cerca

CERIMONIE

Papa Francesco incontra
la comunità Ail in Vaticano

“La cura non è della malattia ma della persona”, ha detto il pontefice ricevendo in udienza speciale una nutrita rappresentanza della numerosissima comunità di AIL, l’Associazione Italiana contro le Leucemie, i linfomi e il mieloma

3 Marzo 2019

0
Papa Francesco incontra la comunità Ail in Vaticano

Papa Francesco ha ricevuto sabato 2 marzo in udienza speciale una nutrita rappresentanza della numerosissima comunità anni dalla sua fondazione, è giunta da ogni parte di Italia. Erano 6 mila i volontari delle 81 sezioni provinciali Ail che insieme ai pazienti e ai loro familiari, ai medici e ai ricercatori hanno affollato, festanti ed emozionati, l’Aula Paolo VI per incontrare il Santo Padre. Prima dell’ingresso di Papa Francesco i ragazzi del progetto In viaggio per guarire hanno fatto vivere alla comunità di AIL un momento molto toccante. Dalla scuola in corsia degli Spedali Civili di Brescia un gruppo di giovanissimi, capitanato dalla professoressa Annamaria Berenzi, gira la penisola per raccontare il vissuto della malattia ematologica ai coetanei, cosa si prova a pensare che la vita non è più una certezza e raccontare di una scuola su misura che ha permesso loro di mantenere il legame con la vita di prima. "La Chiesa elogia e incoraggia ogni sforzo di ricerca dedicato alla cura dei più sofferenti. Con l'assistenza sanitaria - ha detto Papa Francesco rivolgendosi ai volontari - vi fate prossimi a chi soffre, affinché nessuno si senta mai solo. Una delle cose che più mi ha colpito quando sono arrivato in Italia è stato il volontariato italiano." E poi Sua Santità ha aggiunto "I medici sono chiamati alla cura della persona nella sua totalità, di corpo e spirito".

All’incontro con il Santo Padre erano presenti, nella delegazione Ail, oltre al presidente nazionale professor Sergio Amadori, al direttore generale e a una rappresentanza dei presidenti delle sezioni provinciali, alcuni volontari storici dell’Associazione, che con il loro infaticabile lavoro rappresentano la linfa vitale dell’Associazione; molti pazienti, tra cui i piccoli Chiara e Matteo dalle cui mani Sua Santità ha accettato in dono dei disegni, e la famiglia dell’indimenticato professor Franco Mandelli, scomparso nel luglio scorso. “Dal 1969 abbiamo fatto un lungo cammino, a tratti faticoso, cercando di alimentare sempre i principi ispiratori della nostra missione: il dono, l’impegno solidale concreto, la gratuità e soprattutto, l’esercizio dell’umanizzazione delle cure”. Queste le parole del professor Sergio Amadori, che prima dell’incontro con il Santo Padre ha ringraziato gli oltre 20 mila volontari e ricordato l’importanza dell’attività svolta dall’Associazione, che da 50 anni dà ai malati nuovi orizzonti di speranza grazie al sostegno alla ricerca scientifica e ai servizi di assistenza a favore dei pazienti affetti da tumori del sangue. Quindi il Santo Padre ha concluso: "La vostra storia, le vostre opere, i risultati raggiunti da voi in questi 50 anni, siano di stimolo per migliorare la vita di malati". (FABRIZIA MASELLI)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Cerciello Rega, cocaina e pistole nei video dei due americani: eccessi di ogni tipo

Salvini fuori dalla maggioranza? Mattarella battezza i rapporti con la Germania: "Livelli di eccellenza"
Beatrice Lorenzin entra nel Pd: "L'unico modo per arginare Salvini, il centrodestra non esiste più"
Immigrati, il presidente tedesco Steinmeier a Mattarella: "Onore dei rimpatri all'Ue"

media