Cerca

Mode

FaceApp, gaffe razzista: il filtro per rendere più belli sbianca i neri, la prova con Barack Obama

17 Luglio 2019

0
FaceApp, la gaffe razzista della app per cambiare la propria faccia

FaceApp è la app del momento. Vip o persone comune si divertono a cambiarsi i connotati: basta una foto e si può ringiovanire, invecchiare, cambiare sesso e connotati. Una moda più o meno intelligente. Il sito ilprimatonazionale ha scoperto però che può essere una applicazione insidiosa. Addirittura, protagonista di una gaffe "razzista". Molti utenti hanno sottolineato come il filtro “abbellente” avrebbe avuto sugli utenti di colore o asiatici una resa che li portava ad assumere dei tratti caucasici, schiarendo l’incarnato e sfinando il naso. Dopo le lamentele gli sviluppatori hanno provveduto a modificare il filtro. Il fondatore e Ceo di FaceApp, Yaroslav Goncharov, ha detto: “Siamo profondamente dispiaciuti per questo problema indiscutibilmente serio. È uno sfortunato effetto collaterale della rete neurale sottostante causata dal pregiudizio del training set, non un comportamento intenzionale”. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Elezioni nel Regno Unito, le voci dei londinesi: "Speriamo in una soluzione sulla Brexit"

Salvini spara contro i Cinquestelle: "M5s ha perso il suo popolo per abbraccio mortale con il Pd"
Mes, Luigi Di Maio attacca la destra: "Facciamo chiarezza". E lo spiega con un disegnino
Matteo Renzi sul caso Open: "Quel giustizialismo peloso, non lasciamo che il pm faccia un'azione politica"

media