Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Esperdina e quercetina: i flavonoidi e le difese antiossidanti

default_image

Scienza

  • a
  • a
  • a

L’esperidina fu isolata per la prima volta nel 1828 dal chimico francese Lebreton dallo strato interno bianco delle bucce di agrumi (mesocarpo, albedo). Si ritiene che essa svolga un ruolo nella difesa delle piante. L’esperidina e, molto indietro, la naringina, rappresentano più del 90% dei flavonoidi nelle arance. La letteratura scientifica è ricca di lavori che supportano un effetto benefico dei flavonoidi degli agrumi, in particolare dell’esperidina, ma anche della quercetina, sulle malattie di origine virale. Ed esistono molti possibili meccanismi con cui tale effetto si esercita.

L’inibizione dell’infezione cellulare può avvenire per l’intercalazione di queste molecole tra virus e recettori e per inibizione della replicazione intracellulare. Questo fenomeno potrebbe avere un ruolo protettivo soprattutto nella cavità orale e nell’apparato gastrointestinale, dove le concentrazioni dei principi attivi sono sicuramente maggiori che nel sangue. Inoltre, i due flavonoidi sono capaci di potenziare le difese antiossidanti cellulari mediante azione ”scavenger diretta” e attraverso il sistema Nrf2/ARE, che a sua volta  potenzia il sistema del glutatione e le capacità di resistere all’ipossia. Infine, la stretta relazione tra danno cellulare e infiammazione sistemica (di tutto il corpo) fa sì che si possa prevedere un effetto positivo nel mitigare le conseguenze di una infiammazione sfuggita dai controlli. I modelli sperimentali di studio di questi due flavonoidi renderebbero plausibile che un aumento del consumo di cibi che contengono queste due sostanze naturali,  o una loro supplementazione, possa giovare a prevenire diverse patologie. È pertanto auspicabile che siano condotti appropriati studi clinici per indagare le potenzialità di queste sostanze naturali nella prevenzione e nella cura delle malattie virali per stabilire i dosaggi efficaci. Tra gli integratori alimentari potenzialmente utili possiamo citare l’Esperivit Q 100, in capsule orodispersive. E' il primo integratore alimentare basato sull'utilizzo sinergico di Esperdina e Quercetina, con aggiunta di Vitamina C per il supporto del sistema immunitario.

Dai blog