Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, sul vaccino l'azienda di Pomezia annuncia: "Possibile prime dosi all'Italia a novembre"

  • a
  • a
  • a

"I primi 2-3 milioni di dosi del vaccino anti Covid Oxford-Irbm-AstraZeneca dovrebbero arrivare all'Italia entro la fine di novembre se la sperimentazione in corso procederà positivamente, dopo la sospensione temporanea a causa di una reazione sospetta su un volontario poi dimostratasi non legata al candidato vaccino". Piero di Lorenzo, presidente della Irbm di Pomezia, ha confermato che il lavoro di ricerca continua ad andare avanti,  Il volontario era stato colpito da un'infiammazione spinale, la mielite acuta trasversa, che consiste in un'infiammazione  in uno o più segmenti adiacenti del midollo spinale. Il comitato di esperti indipendenti che ha esaminato la questione ha però stabilito in pochi giorni che tale reazione non era collegata all'inoculazione del candidato vaccino. Questa sperimentazione,  spiega di Lorenzo, "è infatti condotta in doppio cieco: ciò vuol dire che nè i medici nè i pazienti sanno a quali dei volontari è somministrato il candidato vaccino ed a quali solo placebo. Dunque - conclude - la reazione sospetta potrebbe anche essersi verificata su un volontario che aveva assunto il placebo e non il farmaco".

Dai blog