Cerca

Il caso

Corrado Carnevale: "Quell’aiutino a Di Pietro per diventare magistrato..."

29 Ottobre 2014

26

"Al concorso in magistratura Antonio Di Pietro ha avuto due "aiutini" agli scritti e poi è stato "stampellato" all’orale". Corrado Carnevale presidente della prima sezione penale della Corte di Cassazione per questa frase è tornato in tribunale per difendersi dall'accusa di diffamazione mossa da Antonio Di Pietro.  Il Tribunale civile di Roma recentemente ha condannato l’ex presidente della Cassazione a risarcire l’ex leader dell’Italia dei Valori di 15 mila euro, a fronte dei 200 mila chiesti da Di Pietro nell’atto di citazione. Ora i legali di Carnevale hanno chiesto alla Corte d’Appello di sospendere l’efficacia esecutiva della sentenza. "L’urgenza di un’inibitoria – ha spiegato l’avvocato Aloisio – è dovuta al fatto che è già stato notificato l’atto di precetto. Lunedì scorso eravamo in attesa dell’ufficiale giudiziario. Il mio assistito non solo ritiene che giustizia non sia stata fatta, ma ritiene che 30 mila euro (se si considerano pure le spese legali e gli interessi) non siano una bazzecola per nessuno, anche per un magistrato la cui pensione mensile corrisponde alla metà di quella somma". Fin qui i fatti.

La vicenda - Ma come racconta il Tempo, durante il dibattimento in tribunale, Antonio Carnevale ha confermato le sue dichiarazioni rilasciate al giornale online "Petrus" nel 2008: "Fu un grande errore – svelò l’allora presidente della prima sezione penale della Corte di Cassazione – Mi lasciai commuovere dal suo curriculum. Era stato in seminario ed era di famiglia povera. Fu così che chiusi un occhio davanti ad alcune sue lacune". E ad esplicitare in fase processuale la posizione di Carnevale c'ha pensato il suo legale, l'avvocato Aloisio di cui il Tempo riporta le dichiarazioni in Aula: "In un’intervista in cui si parlava del fenomeno di Mani Pulite, il presidente Carnevale rispose che aveva sbagliato a valutare Di Pietro. Ha detto la verità, ossia ciò che sapeva. Il cosiddetto "aiutino" è stato riportato dal presidente Lipari e consiste in quello che è noto. Le commissioni esaminatrici per il concorso da uditori giudiziari si riuniscono preventivamente per stabilire i criteri di correzione dei compiti. Se alle prove scritte c’è una sufficienza seria e due 5 ci sono delle commissioni che legittimamente, nell’esercizio di un potere insindacabile, dicono: due 5 e un 6 passa poi vedremo agli orali. Non è mai stato detto che c’è stato un intrallazzo. Ha raggiunto la sufficienza agli scritti con questi due "aiutini". Poi all’orale, dove ha preso 8, è riuscito a raggiungere la media del 7, limite minimo che permette di superare il concorso. Infatti Di Pietro si è collocato nella parte finale della graduatoria".  

La difesa di Tonino - Il difensore di Di Pietro invece ha sostenuto il contrario: "Dagli atti documentali del processo di primo grado – ha spiegato il civilista – è emerso che l’esame condotto da Di Pietro ha portato alla sua promozione perché era pienamente sufficiente. Quindi non corrisponde al vero dire che prese due insufficienze e una sufficienza agli scritti e che all’orale non andò meglio. Se non si deve dare valore ai documenti, ma alla prassi, come sostiene la controparte, allora bisognerebbe fidarsi esclusivamente della parola del presidente Carnevale; visto che altre prove non sono state prodotte, né tantomeno ci sono testi pronti a testimoniare che la prassi è questa". Adesso i giudici dovranno decidere se accogliere la richiesta di sospensiva della sentenza. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    30 Ottobre 2014 - 17:05

    Mia moglie..non è mia moglie, una delle frasi sconclusionate di questo grande magistrato nonchè politico !

    Report

    Rispondi

  • bizio49

    30 Ottobre 2014 - 15:03

    per vedere chi ha ragione propongo di far svolgere un tema d'italiano a scelta delle due parti per poter constatare se e chi poteva sostenere in modo comprensibile un esame dove la correttezza della lingua è essenziale.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    30 Ottobre 2014 - 14:02

    Secondo me per tagliare le corna al toro basterebbe sottoporre di pietro ad un rigoroso esame d'italiano. Se lo passa ha ragione lui, ma dubito che lo passi!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media