Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Aria che tira, "guardate la signora dietro Myrta Merlino". Hanno notato qualcosa di clamoroso a La7

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

A L'Aria che tira come al glorioso Drive in che fu? Il pubblico di Myrta Merlino sarebbe sempre lo stesso, e sarebbe chiamato ad applaudire gli ospiti senza distinzione di colore (né di opinione). A lanciare l'imbarazzante accusa è TvBlog secondo cui negli studi di La7 non ci sarebbe nemmeno posto per la claque di ciascun ospite, dal momento che i cenni di consenso del pubblico sarebbero bipartisan e "comandati". Leggi anche: "È il tuo primo errore, chiedi scusa". La Merlini contro Salvini Soprattutto, gli occhi dei telespettatori più attenti avranno individuato qualche presenza ricorrente, sorta di figuranti che giorno dopo giorno (la trasmissione è in diretta e non registrata, come accade invece per casi analoghi come Uomini e donne su Canale 5) sfilano sulle poltroncine, ascoltano attenti (in alcuni casi un po' imbalsamati), battono le mani quando serve, anche per dare un po' di ritmo alle puntate. C'è "il ragazzotto con la barbetta (che una volta venne immortalato anche dalle telecamere di Piazzapulita), il giovane col capello a spazzola, la signora bionda che spesso imita la capigliatura della Merlino", conclude tra l'ironico e l'amaro TvBlog.

Dai blog