Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Andrea Vianello da un anno sparito dalla Rai e dalla tv. Ora la drammatica verità: ictus, ha perso la parola

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

"Un anno senza poter parlare". Andrea Vianello, popolare conduttore Rai, ha raccontato il suo calvario segreto in un commovente libro, Ogni parola che sapevo. Era il febbraio 2019, Vianello viene colpito da un ictus e operato d'urgenza. Al risveglio, il buio: non riesce più a pronunciare nulla, "neppure dire il nome dei mie figli. Proprio io, che sapevo solo parlare. Questo libro è stata la mia terapia e la mia speranza", ha spiegato su Twitter rivelando a tutti i suoi follower il suo grave problema di salute.  Leggi anche: "Preso a calci". Rabona, lo share disastroso alla prima puntata Da un anno, non a caso, Vianello, ex direttore di Rai3 e conduttore di trasmissioni di successo come Mi manda Raitre, non è più comparso in tv e la sua ultima trasmissione sportiva, Rabona, era stata chiusa senza vere motivazioni. Nello specifico, si legge nelle note di copertina del libro, "si è trattato di un'ischemia cerebrale che ha colpito il lato sinistro del cervello, causata da una dissecazione della carotide". Non solo: il giornalista ha avuto "una gravissima complicazione sul tavolo operatorio". Quando si è svegliato, "le sue parole erano perdute. O meglio: nella sua testa si stagliavano chiare e nette come sempre, ma all'atto pratico uscivano in una confusione totale, fonemi a caso, ingarbugliate e incomprensibili". 

Dai blog