Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Ferrari in aiuto di Vale. Ecco l'uomo che lo farà vincere

Giovanni Ruggiero
  • a
  • a
  • a

L'attesa per l'esercito di tifosi di Valentino Rossi è tutta concentrata per il 6 novembre prossimo, data entro la quale arriverà il verdetto del Tribunale per l'arbitrato sportivo di Losanna al quale il campione pesarese si è rivolto contestando la penalizzazione di tre punti sulla patente comminata dalla commissione gare a Sepang, dopo l'ormai noto scontro in gara con Marc Marquez. Rossi ha provveduto personalmente a fare ricorso al Tas, dopo che il suo team, la Yamaha, ha detto di non potersi opporre alla sua volontà di provare l'ultima carta utile per partire ad armi pari nell'ultima gara della stagione a Valencia, dove Rossi vuole giocarsi il decimo mondiale della carriera. La novità - Le speranze dei sostenitori di Rossi hanno trovato una grande spinta nelle parole di Davide Brivio, team manager della Suzuky: "credo abbia fatto bene - ha detto - prova a giocarsi la gara in condizioni normali. Rispetto a domenica sono emersi particolari nuovi - ha aggiunto l'avvocato - credo che le opinioni a caldo siano cambiate". L'uomo chiave - La decisione della Commissione gare in Malesia è sembrata fin troppo affrettata, legata alla necessità di esprimere un verdetto chiaro in tempi rapidissimi. Eppure i dubbi nel corso dei giorni sono cresciuti, anche con il contributo di numerose analisi su quei secondi delicati che hanno chiarito come in fondo le colpe del pilota italiano fossero meno gravi rispetto a quanto visto dai giudici in diretta. L'aiuto arriverebbe da casa Ferrari, dopo il sostegno morale di Sebastian Vettel che a proposito di Valentino aveva detto: "Ha fatto la cosa giusta". A difendere le ragioni di Rossi a Losanna, secondo la Gazzetta dello Sport, ci sarà l'avvocato Massimiliano Maestretti. Già consigliere della Ferrari tra il 2004 e il 2009, Maestretti può vantare nel curriculum un'altra grande impresa legale: nel 1999, infatti, è riuscito ad aiutare la Ferrari ribaltando il verdetto della Fia che aveva squalificato Micael Schumacher ed Eddie Irvine.

Dai blog